AI NOSTRI MICROFONI

«Forza Palermo! Meriti
la Serie A» Tedesco a FP.it

«Forza Palermo! Meriti la Serie A» Tedesco a FP.it



Sì, assolutamente. Sono affiancato da uno staff di persone molto competenti, quindi sì mi sento pronto per un’esperienza in Italia: vivo di calcio ventiquattro ore al giorno. Per questo i miei modelli sono Conte, Gattuso… Mi ispiro a loro, non mi piace perdere. Penso di aver fatto un percorso che mi permette attualmente di essere pronto per il calcio italiano.

 

Risponde senza titubare Giovanni Tedesco - nella seconda parte della nostra chiacchierata - in riferimento alla possibilità di sedere su una panchina del calcio italiano. Poi ancora la sua disamina sul calcio attuale, con un sogno nel cassetto e un pensiero finale alla sua città e ai tifosi rosanero.

 

Continua

«Non sono uno che si vende, per questo sono fuori a lavorare ma l’ho anche fatto da calciatore per poi tornare e mi auguro che questo percorso sia simile avendo l’opportunità di dimostrare le mie qualità».

 

Com’è cambiato il calcio?

«Il livello del calcio di oggi è più basso rispetto a quando giocavo io, ma sotto tutti i punti di vista. Soprattutto in riferimento alla Serie A che ho fatto io iniziando nel 1993 quando a Milano trovavi Baresi, Savicevic, Boban, Rui Costa e Battistuta nella Fiorentina, o Ronaldo e Baggio. Il calcio a livello di qualità ha perso tantissimo anche rispetto a cinque anni fa. Con il Palermo ho avuto la fortuna di far parte di quella squadra che dettava legge su tutti i campi italiani, da lì il livello è sceso tantissimo».

 

LEGGI ANCHE

 

• ESCLUSIVO - PALERMO, A TUTTO SAGRAMOLA: L'INTERVISTA VIDEO

 

• ZENGA SENZA FRENI: "PASTORE SEMPRE IN CAMPO, ZAMPARINI SA"

 

• TOTTI E DEL PIERO LIVE: "A PALERMO MICCOLI E AMAURI..." VIDEO

 

• E LA SERIE C SCRISSE ALLA D: LE 9 PRIME SARANNO PROMOSSE

 

• CORONAVIRUS, QUANTI PASSEGGERI IN AUTO? IL GOVERNO RISPONDE

 

Sogno nel cassetto

«Potrei essere patetico, quindi dico allenare il Palermo. Sono stato bene dovunque ma se dovessi scegliere due città dove ho lasciato qualcosa e la gente mi ha dato quel quid in più sono Palermo e Perugia: in questo senso mi piacerebbe allenare una delle due squadre.

Ho fatto una piccola parentesi sulla panchina rosanero ma in quel caso il tecnico era Schelotto ma non avendo i requisiti per allenare hanno chiamato anche me. C’era collaborazione tra noi due ma ovviamente decideva tutto lui».


GIOVANNI TEDESCO A FORZAPALERMO.IT (VIDEO)


Quindi?

«Il sogno chiaramente è quello di allenare un giorno il Palermo. Ma su questo voglio precisare che non mi piace propormi - come molti colleghi hanno fatto - perché non lo trovo corretto nei confronti di un collega come Pergolizzi che sta vincendo un campionato in maniera netta. Non è facile stare sempre primo in classifica, in nessuna categoria».

 

Infine un saluto ai tifosi rosanero e alla città di Palermo

«È la prima intervista in assoluto nonostante abbia avuto tante richieste ma ho sempre declinato. Quando però ho sentito che chiamavi da Palermo sinceramente mi è venuto spontaneo e di cuore fare questa intervista. L’unica cosa che mi sento di dire è che Palermo ha dimostrato - in questa emergenza - di essere una città matura, civile che merita tutte le cose belle di questo mondo. Quindi Forza Palermo, spero di vederlo presto dove merita cioè in Serie A».


 

ALTRI ARTICOLI

 

«PALERMO, ECCO PERCHE' MIRRI E' L'UOMO GIUSTO» TEDESCO A FP.IT

 

«FORZA PALERMO! MERITI LA SERIE A» TEDESCO A FP.IT

 

GRAVINA: «NON FIRMERÒ MAI LA MORTE DEL CALCIO»

 

FASE 2, ORLANDO AI PALERMITANI FUORI SICILIA: «NON TORNATE»

 

SCARCERAZIONE BOSS, ARRIVA LA STRETTA DEL GOVERNO

 

DIETROFRONT CONTE, DAL 10 MAGGIO TORNANO LE MESSE IN CHIESA

 

DA BERGAMO: "PRIMA DENIGRAVO PALERMO, VI CHIEDO SCUSA"

 

BERGAMASCO SI SVEGLIA DAL COMA A PALERMO: "MI TATUO LA SICILIA"

 






1 commento

  1. stadio 141 giorni fa

    In serie A ci va con i suoi soldi oppure con quelli di Mirri?

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *