NUOVA PROPRIETA'

«Ho 10 punti interrogativi
Lo stadio? Siamo pronti»

Orlando: «Ho 10 punti interrogativi. Lo stadio? Siamo pronti»



 

IMMAGINE  NON SEGUI FORZAPALERMO.IT SU INSTAGRAM? CLICCA QUI

 

Intervistato anche da Massimo Norrito su Repubblica-Palermo, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha parlato delle sue sensazioni dopo la conferenza stampa di martedì dei rappresentanti del fondo a cui Maurizio Zamparini ha ceduto il 100% del Palermo calcio:

 

«È difficile farsi una idea sul nulla. In atto non ho avuto nessuna comunicazione ufficiale. Nessuno mi ha detto niente e soprattutto nessuno mi ha detto chi sono i legittimi proprietari della squadra che, vorrei ricordare, gioca nello stadio che è di proprietà dell’amministrazione comunale - ribadisce Orlando - Sono fermo a un tempo, stiamo parlando di alcune settimane fa, quando sembrava si dovesse essere vicini a una conclusione della vicenda. Dopo quella comunicazione non mi ha chiamato più nessuno, nessuno mi ha cercato, in agenda non ho nessun appuntamento. Forse, prima di presentarsi, hanno ancora bisogno di perfezionare un percorso non perfezionato. Io, come sindaco, sono pronto ad incontrare chiunque - continua Orlando - a patto che sia il legittimo rappresentante della proprietà della società rosanero».

 

NUOVO STADIO

«Non bastano cinque minuti per parlare di un nuovo stadio. Lo dico da dodici anni, l’amministrazione comunale è pronta a prendere in esame tutti quei progetti in conformità con l’attuale normativa in fatto di impiantistica sportiva. Sono cose che ho detto in pubblico e in privato. Sette anni fa venne presentato un progetto che non è più in regola con le attuali norme. Se verrà presentato un nuovo progetto, proporrò che venga accettato. Al momento però non ci è stato presentato nessun nuovo progetto per un nuovo stadio. Noi siamo un’amministrazione comunale ed esaminiamo atti, non parole e desideri. Io non so niente. Tutti chiedono a me di commentare il niente. Per quanto mi riguarda c’è il niente. Poi può darsi che in futuro ci sia il migliore acquirente possibile, ma al momento non è così».

 

DUBBI

«La conferenza? Francamente mi è sembrata un po’ singolare. Se non hai nulla da comunicare non fai una conferenza stampa. Rinviala di un mese. Su tutta la vicenda personalmente ho dieci punti interrogativi che mi auguro possano diventare dieci punti esclamativi per brindare anch’io alla nuova proprietà. Premesso che, come le dicevo, nessuno ha fissato un appuntamento con me, non posso incontrare persone bendate. L’epoca dei Beati Paoli è finita. Devo potere incontrare gente con un nome, un cognome e un indirizzo accertabile. Per fortuna, tutte queste cose sono in contrasto con il Palermo che vince. Almeno mi consolo così».


LEGGI

Zamparini: Albanese nel CdA Cessione? Strane queste reazioni


 

QUESTIONI GIUDIZIARIE

«Posso solo manifestare il mio apprezzamento nei confronti magistratura e chiedere procedure di accertamento che siano le più veloci possibili anche per chi gioca e per il valore della società. Anche se devo dire che l’apertura dell’inchiesta di Caltanissetta complica il quadro delle cose e ci propone una realtà ancora più complessa che induce alla prudenza. Quella prudenza che io non ho avuto motivo di esercitare perché della cessione non so nulla».

 

CONVENZIONE DELLA GESTIONE DEL “BARBERA”

«Siamo in regime di proroga per una serie di pendenze da parte della società. La delibera per la nuova concessione è all’esame del consiglio comunale. La proposta della giunta è di confermare la gestione al nuovo proprietario, una volta accertato che ne abbia la titolarità, ma è evidente che le ultime cose accadute possono avere bloccato o rallentato l’iter».


 

ALTRI ARTICOLI

 

• CESSIONE PALERMO, IL COMUNICATO UFFICIALE DEL SINDACO LEOLUCA ORLANDO

• «E TRA I DUE LITIGANTI, NON SIAMO MANCO IL TERZO CHE GODE. ARRIVEDERCI»

• GAZZETTA - PALERMO BRITISH, 15 MILIONI PER I PRIMI STIPENDI

• IL PALERMO DI ZAMPARINI PARTE 2: L'EUROPA ROSANERO E L'ESODO ALL'OLIMPICO

• NON ESCLUSIVA: ECCO IL RESPONSABILE A 360 GRADI DEL PALERMO

• PUSCAS-MOREO, UNA POLTRONA PER DUE






5 commenti

  1. Palermo domina 7 giorni fa

    Orlando ineccepibile dal punto di vista formale e sostanziale. Peraltro Orlando tifa palermo da quando lottava contro il palazzo per evitare la radiazione oltre 30 anni fa!

  2. Spiderman 7 giorni fa

    La posizione della Favorita è magnifica anche da un punto di vista logistico per i palermitani. Andrebbe solo avanzato verso viale del Fante per potere meglio sfruttare di spazi dietro le gradinate. In Gran Bretagna hanno smontato castelli e residenze per rimontarli dall'altra parte dell'oceano e noi, in Italia non saremmo capaci di smontare e rimontare una facciata stile anno Trenta del secolo scorso?

  3. Ciaparàt 7 giorni fa

    Io su Orlando di punti interrogativi ne avrei almemo 100mila ...

  4. rosario 7 giorni fa

    Anche a me piacerebbe che venisse ristruttura il Barbera del resto quante volte vediamo lavori in corso negli stadi europei l'Udinese il vecchio friuli , ora Dacia Arena l'ha ristrutturato così altri stadi in Spagna e così via del resto se vai in A e costruisci una squadra da metà classifica 20,000 posti ti bastano ma.....i progetti sono altri!!!!! Spero che il Comune apra bene gli occhi.

  5. Gallo & Montesano and Co. 7 giorni fa

    Orlando Cascio fa confusione, o fa il furbo ? Cioè, lui è un impiegato al servizio dei palermitani, lo stadio è della città non dell'amministrazione comunale. Peraltro, Palermo non ha bisogno di un nuovo stadio, basta lo stadio La Favorita rimesso a nuovo, che si trova in una bellissima posizione, la più bella della città. Lo stadio nuovo serve solo agli speculatori che vorrebbero usare il Palermo ed i palermitani per speculare e trasferire ulteriore denaro, cose che non c'entrano nulla coi valori sportivi e sociali ed affettivi.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *