LA REPUBBLICA-PALERMO

Dall'annuncio in tv a James
quanti dubbi sull'operazione

Dall'annuncio in tv a James, quanti dubbi sull'operazione Palermo



 

Molti ancora i dubbi che riguardano l'operazione della cessione societaria del Palermo alla Global Futures Sports and Entertainment Limited.

Valerio Tripi su La Repubblica-Palermo fa luce su alcune questioni: le tempistiche e le scadenze certamente toglieranno molti dei dubbi sugli investitori ancora sconosciuti della nuova proprietà. 

 

La prima scadenza è ad una settimana dall'annuncio dell'avvenuta firma dell'atto notarile del 30 novembre: «L’evidenza di un atto del genere compare dopo una settimana — spiegano dalla Camera di commercio — perché le comunicazioni ufficiali in questo genere di operazioni ormai le fanno gli stessi notai. È un atto molto veloce, tecnicamente occorre una settimana per avere traccia dell’operazione in una visura camerale».

 

La prossima scadenza è la comunicazione in ambito federale; entro un mese dall’atto di vendita infatti, l’azionista di maggioranza dovrà dare comunicazione ufficiale alla Lega rispettando diversi paletti fra requisiti di onorabilità, come non avere riportato condanne a pene superiori ai 5 anni o per truffa e appropriazione indebita, e di solidità finanziaria. Inoltre, occorre comunicare alla Lega B la dichiarazione di un istituto di credito di primaria importanza, con il quale si abbiano rapporti da almeno un anno, che attesti la buona base finanziaria e che alla data della dichiarazione di acquisto sia in possesso della capacità finanziaria per far fronte alle esigenze del club. La mancanza, anche parziale, di uno solo dei requisiti mette a rischio l'iscrizione del campionato. 


LEGGI

Orlando: «Ho 10 punti interrogativi. Lo stadio? Siamo pronti»


 

Valerio Tripi fa notare come James Sheehan ieri abbia cancellato alcune informazioni presenti nel proprio profilo LinkedIn: James Sheehan Chartered FCSI. Ma c'è stato il tempo per prendere visione di alcuni ruoli ricoperti nel passato in diversi fondi d'investimento: la Novum Securities Limited, la Scwiar Capital Ltd, la Cornhill Capital e la casa di produzione televisiva SuperMarine sono alcune delle collaborazioni. 

 

«Ed è legato proprio agli ambienti tv il filo che unisce la nuova proprietà, l’advisor e Zamparini - conclude Tripi su Repubblica -. Ad annunciare la cessione, infatti, è stata l’intervista di Richardson a Pop Economy, un canale televisivo legato al gruppo editoriale Alma Media. Qualche mese fa la società editrice ha quotato all’ExtraMot Pro di Borsa Italiana un minibond di 1,85 milioni a scadenza dicembre 2019. Un piano di rilancio aziendale al quale hanno partecipato anche lo studio legale Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners dell’avvocato palermitano Fabio Chiarenza, che ha avuto un ruolo anche nella cessione del Palermo, e come advisor la Financial Innovations di Belli che nella vicenda rosanero ha curato la mediazione proprio su incarico di Zamparini»


IMMAGINE  NON SEGUI FORZAPALERMO.IT SU INSTAGRAM? CLICCA QUI


 

 

ALTRI ARTICOLI

 

• CESSIONE PALERMO, IL COMUNICATO UFFICIALE DEL SINDACO LEOLUCA ORLANDO

• «E TRA I DUE LITIGANTI, NON SIAMO MANCO IL TERZO CHE GODE. ARRIVEDERCI»

• GAZZETTA - PALERMO BRITISH, 15 MILIONI PER I PRIMI STIPENDI

• IL PALERMO DI ZAMPARINI PARTE 2: L'EUROPA ROSANERO E L'ESODO ALL'OLIMPICO

• NON ESCLUSIVA: ECCO IL RESPONSABILE A 360 GRADI DEL PALERMO

• PUSCAS-MOREO, UNA POLTRONA PER DUE






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *