NON SOLO UNA DATA

Da «Accadde oggi» a «Ricordi»:
il 29 maggio del Palermo

Da «Accadde oggi» a «Ricordi»: il 29 maggio del Palermo



Nel nostro momento storico scandito dai social network se prendiamo il più noto di tutti ovvero Facebook troviamo, fra le tante opzioni del sito, anche una sezione “Accadde Oggi” ovvero tutto ciò che è stato pubblicato quel giorno dalla nascita del profilo ad oggi. 

 

Qualcuno, rivedendosi indietro del tempo, magari si vergogna e non va oltre. Qualcun altro magari rivive qualche suono, qualche odore che collega a quei tempi addietro e i sentimenti diventano contrastanti. 

 

Se il Palermo avesse il suo “Accadde Oggi” ce ne sarebbero di momenti, foto e “post” da vedere il 29 maggio. 

 

Anno 2004, luogo: stadio “Renzo Barbera”. 

Una notte stellata, foto di curve gremite, la mano di Luca Toni, la chitarra di Emanuele Filippini. Poi urla, Guidolin portato in trionfo, fiumi di spumante, la città in festa. Ma soprattutto la lettera A presente ovunque: dopo 32 anni i rosa tornavano nel calcio che conta. 

 

Anno 2005, luogo: sempre stadio “Renzo Barbera”.

Questa volta non è sera, ma di stelle ce ne sono comunque tante. Quelle dell’Europa raggiunta per la prima volta, a coronamento di una stagione quasi perfetta condita dal suo numero simbolo ovvero il 3, ripetuto sia dal Palermo che dalla Lazio nel risultato finale. E anche qui curve gremite, la mano di Toni e Francesco Guidolin, che stavolta agita la mano in aria per salutare la sua gente, la sua casa. 

 

Anno 2011, luogo: Stadio Olimpico di Roma. 

Cambiamo luogo, e stavolta non sono solo curve gremite ma una vera e propria invasione. La foto simbolo dell “Accadde Oggi” del Palermo e di tantissimi tifosi è il tappeto rosanero a Piazza di Spagna, quarantacinque mila persone in attesa del momento più alto della storia del club. Folla che poi si riversa sugli spalti dello stadio. Poi 90 minuti di vuoto. I sorrisi spariscono, sguardi bassi, lacrime, medaglie luccicanti ma pesanti come macigni. Nuovo vuoto. 

 

C’è chi guardando quel 29 maggio rivede tutti questi eventi uno dietro l’altro, o chi magari è rimasto affezionato ad uno piuttosto che ad un altro. C’è chi vede con un sorriso le feste in città, o chi magari quelle lacrime del 2011 non le ha mai asciugate del tutto, o chi ancora più del ricordo della partita contro l'Inter pensa alla capitale invasa e colorata di rosa e di nero e, nonostante tutto, non può fare altro che sorridere. Forse c’è anche chi non ha ancora smaltito l'ultimo 29 maggio, il più brutto della storia del Palermo

 

Ma il calcio vive di emozioni, belle e brutte. E il tempo va avanti senza che ce ne rendiamo conto, come lo prova il fatto che molti di noi non si saranno resi conto che quella sezione di Facebook, con il tempo, ha cambiato nome trasformandosi semplicemente in "Ricordi". 

Ma una cosa è certa. Che si chiami “Accadde Oggi” o "Ricordi", del 29 maggio a Palermo nessuno se ne vergognerà mai. 







10 commenti

  1. Palermoforever? 76 giorni fa

    Se c'è un minimo di coerenza nei comportamenti (e non solo ipocrisia) quel Palermo andrebbe cancellato dalla memoria come mai esistito. Una medaglia ha sempre due facce. Se ne butti via una, automaticamente butti via anche l'altra. Le cose si prendono (ahimé) in toto e con il bello ci si deve accollare anche il brutto. Tertium non datur.

  2. Chi non salta è zamparini 76 giorni fa

    Deve rammentarsi al soggetto aggregazione di cose inutili nonché ^verrebbe conseguito il titolo^ che chiunque abbia soldi potrebbe regalare anni di soddisfazioni a tifosi di squadre professionistiche, ma non basta, ci vuole la competenza che né il Sultano né il suo ineffabile lacché possiede. In quanto all’augurio di rivedere il calcio che conta alla squadra della propria città fra molti anni, questo qualifica lo spessore etico, di educazione, di rispetto e di povertà di chi lo profferisce, dejá vu.

  3. stadio 76 giorni fa

    Palermoforever? era un altra società non dimentichiamolo. Con capitali adeguati.

  4. bugia 76 giorni fa

    Bei ricordi.....ma soprattutto, ricordo che Zamparini fu precursore del distanziamento... Mai visto allo stadio. Surreale.

  5. Aggregazione galattica lame rotanti 76 giorni fa

    I cosiddetti 'incompetenti calcistici', secondo le parole di Homen.Sà.Nomen, gentilissimo come sempre, hanno avuto la fortuna di ammirare il miglior Palermo di sempre, grazie al miglior Presidente della storia rosanero. Purtroppo la vita non dura abbastanza per ripetere quelle emozioni: la Serie A, in città, non si rivedrà prima del Secolo XXII. #AltralacategoriA

  6. chi non salta è zamparini 76 giorni fa

    Maurizio Zamparini verrà ricordato come il Presidente peggiore della gloriosa Storia rosanero, non per i risultati, (comunque medio scarsi, in relazione alle centinaia di milioni che letteralmente sprecato e gettato dalla finestra, soldi suoi), ma per essere uno dei peggiori, (se non il peggiore in assoluto) manager sportivo mai apparsa sulla faccia dell'intero pianeta. Tutto chiacchiere e licenziamenti. Onore ai suoi collaboratori, gente competente TUTTA cannibalizzata. Per lui solo scorno e appecoramenti da parte di un minoritario zoccolo duro di incompetenti calcistici sempre presenti qui.

  7. Palermoforever? 76 giorni fa

    Era un altro Palermo, non dimentichiamolo.

  8. Blackmamba 76 giorni fa

    Aneddoto forse già raccontato... fatti biglietti aerei il mese precedente e prenotazioni per Parigi proprio per quel fine settimana avendo calcolato che saremmo stati promossi la settimana seguente o la prossima ancora. Mi presi il rimprovero della compagna dell'epoca perchè quella sera tra Operà e Boulevard Haussmann sono stato due ore al telefono per chiedere cronaca e notizie dal Barbera, e mi sono pure commosso al 3-1 con la faccia incredula della fanciulla. Per fortuna poi una cena a La Crieè rimise tutto a posto. Quant'è bella giovinezza, che si fugge tuttavia.....

  9. stadio 76 giorni fa

    Quando c'era il calcio a Palermo.

  10. Aggregazione galattica lame rotanti 77 giorni fa

    Pietre miliari della grande Storia del Palermo galattico di Maurizio Zamparini, il miglior presidente in rosanero... E soprattutto, l'apice dell'attività sportiva cittadina, da allora fino ai decenni a venire. #AltralacategoriA

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *