APPUNTI SPARSI

Travolti da un'insolita
pupiàta nell'azzurro...

Cessione Palermo: travolti da un'insolita pupiàta nell'azzurro...



Appunti sparsi.

Le direi pure volentieri due paroline, due domandine veloci veloci al quasi-forse-aspetta patron del Palermo calcio Maurizio Zamparini, che quando non ha nulla da dire si affretta a mettere su la conferenza stampa meno conferenza stampa della storia, mentre quando c’è bisogno di una parola chiara interrompe ogni comunicazione. Ma c’è scritto nel contratto, niente più dichiarazioni, silenzio stampa: “Moota” direbbe Giannini alla splendida Mariangela Melato nel mezzo del Mar Mediterraneo.

 

Non si capisce più nemmeno di quali contratti si possa parlare: non ne abbiamo visto neanche uno. Anzi, pensavamo che quel comunicato frettoloso e striminzito del 1 dicembre potesse rappresentare un fatto nuovo: passaggio di proprietà-sottoscritto-notaio. Tre parole che hanno un peso specifico importante. Mica pizze e fichi e fish and chips.

Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto. Anzi, da un’insolita pupiàta.

A Palermo c’è questo verbo difficile da tradurre in italiano: pupiàre, che si origina dal Teatro dei Pupi (altro che Netflix). Una pupiàta è uno spettacolino, una finzione dunque, una messa in scena al servizio degli spettatori. Ed è bellissima, quando paghi il biglietto sapendo di assistere esattamente a quello per cui hai pagato. Invece no. E pensare che avevo pure fatto la barba per essere presentabile ai presentati quel martedì di inizio dicembre: chiedo venia per il gioco di parole, ma è forse la cosa più chiara di tutta questa storia.

 

Un romanzetto di bassa caratura, di quelli che a pagina 3 ti sei già pentito di aver aperto, un copione che definirlo sperimentale è fare un complimento (ci vuole coraggio). Ci ha fregato la copertina, molto bella, attraente, colorata, ben esposta. C’è anche chi decide, lecitamente, di perdere ore nella ricerca di millemila intrecci societari e sui relativi aumenti di capitale che non basterebbero nemmeno per accendere un mutuo per un bilocale in centro. Figurati per i 30 mila seggiolini vacanti del “Barbera”. E poi c’è la clessidra e la sabbia che scende sempre più velocemente da quando si è scoperto che c’è un preliminare e niente di più. E il silenzio, i “non posso parlare”, che spingono le lancette tra le quali scorre lo scetticismo: "Lo sapevo che non mi dovevo fidare di una ricca. Perché i ricchi ti fottono sempre!".

 

C’è una morale della favola?

Ma quale favola?

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM!


 

ALTRI ARTICOLI

 

• IL SILENZIO CHE FA RUMORE

 

• GDS - PALERMO, GOODBYE JAMES: SHEEHAN FUORI DAL GRUPPO INGLESE

 

• PALERMO, C'ERA UNA VOLTA L'EFFETTO "BARBERA"

 

• QUEL POCO CHE SAPPIAMO DI JAKE LEE, COLLABORATORE DI RICHARDSON

 

• COSA HANNO COMUNICATO SPORT CAPITAL E FINANCIAL INNOVATIONS

 

• PALERMO, CHI È DEAN HOLDSWORTH, IL NUOVO CONSULENTE DI RICHARDSON

 

• TUTTAPPOSTO VAI TRANQUILLO






3 commenti

  1. CiuridduScaiNius24® 88 giorni fa

    Intanto leggo sempre dalla Gazzetta delle Cayman, dal solito Haora el dinero està lindo. che il direttore della della Banca central limpiadora, ha mandato una email dove scrive: Me diga ustè quando enviarle el grano, prefiere dollares o sterlinas? jajajajjajajja

  2. Rubini 88 giorni fa

    Pure a Natale con questi DLIN DLIN. Come si fa a non stare dalle parte di Zamparini, se sono questi i suoi detrattori? Sempre lo stesso commento, le stesse parole, lo stesso grigiore, rancoroso. Sempre nascosti dietro l'anonimato, mai uno scatto di dignità, hanno di sicuro qualcosa da nascondere. Mettete nell'albero dei campanelli, un dlin dlin la notte di Natale annuncerà l'arrivo delle ali, per un angelo. Buon Natale Palermo. Onore al Catania e ai suoi tifosi.

  3. Blackmamba 89 giorni fa

    Mi pare che l'articolo metta fine giustamente a tutte le PALLE lette e sentite su questa vicenda. Sarebbe ora che TUTTA la stampa avesse un moto di orgoglio e iniziasse a fare il proprio dovere, mettendo in risalto quotidianamente la vicenda del palermo e tutte le commedie non più sopportabili dell'indagato. TUTTI carta stampata, tv, web, mettano alle strette questo imbroglione, tanto è questione di poco e verrà a galla tutto, non dimenticando che i DLIN DLIN sono sempre dietro l'angolo, con una procura che ha atteso pazientemente per salvare il palermo, ma che adesso gli presenterà il conto.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *