APPARTENENZA

Museo Barbera, Tarantino:
«Seguiamo il modello britannico»

Museo Barbera, Tarantino: «Seguiamo il modello britannico»



Il 20 novembre, giorno dei 120 anni della nascita del Palermo, aprirà ufficialmente il museo rosanero all'interno dello stadio "Renzo Barbera". Il responsabile del progetto, nonché giornalista e storico, Giovanni Tarantino intervistato dal Giornale di Sicilia ha parlato dell'idea e del modello alla base della realizzazione del museo che aprirù i battenti questo autunno: 

 

«L’idea di base è stata quella di creare un museo che non fosse come quelli delle grandi squadre vincitrici di tanti trofei perché, in realtà, il profilo è loser: il Palermo, su sette edizioni del torneo Lipton, ideato dal magnate inglese del tè, ha vinto nel 1915 la sua quinta coppa (mai trovata) aggiudicandosi definitivamente il titolo e, nel 1993, la coppa Italia di Serie C. Il nostro modello è quello delle squadre britanniche, a ogni squadra il suo museo, un museo per ogni squadra».







3 commenti

  1. Tifoso 31 giorni fa

    Nostro solo affettivamente parlando .dopo più di 50 anni la squadra diventa parte di noi, almeno credo sia così per un vero Tifoso. Economicamente partecipo come posso , quest'anno con 3 abbonamenti in gradinata. Forza Palermo

  2. Paolo 32 giorni fa

    Un museo tutto NOSTRO. Una squadra tutta NOSTRA. Il centro sportivo tutto NOSTRO. Mirri e Di Piazza stanno mettendo 21 milioni, 15 per il capitale sociale 6 per completare il budget per la serie C. Noi siamo pure azionisti, abbiamo raccolto la bellezza di 60.000 euro. Tutto NOSTRO, tutto bellissimo... chi picciuli degli altri. Il NOSTRO Palermo. 5 euro il biglietto, meno di 2 euro a partita nna televisuani. Tutto NOSTRO, nta...

  3. Tifoso 32 giorni fa

    Sentire parlare di un museo del Palermo tutto per noi mi rende veramente felice.lo stesso dicasi per i tentativi della società di creare un centro sportivo tutto nostro. Credo siano queste le cose che possano avvicinare i tifosi al di là di quanto sia la capacità economica dei protagonisti. È importante secondo me spendere bene le risorse disponibili.se penso ai 44 milioni di stipendi dati ai vari cacoski e compagnia mi vengono i brividi

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *