SEGRETARIO GENERALE

Palermo e giovani di serie:
Lega Pro, parla Paolucci

Palermo e giovani di serie: Lega Pro, parla Paolucci



In casa Palermo continua a tenere banco la situazione legata alla disputa del match contro il Potenza di giovedì. 

L'emergenza Coronavirus ha portato la compagine rosanero ad avere dodici giocatori disponibili per la gara, condizioni per le quali potrebbe scattare il rinvio, la Lega Pro tuttavia considera nel computo dei disponibili anche i giovani di serie che hanno avuto almeno una convocazione in campionato ovvero Matranga, Faraone, Cangemi e Florio. Con l'aggiunta dei quattro Primavera il Palermo avrebbe quindi sedici giocatori a disposizione e difatti, ad oggi, le due squadre giovedì dovranno regolarmente andare in campo. A provare a fare chiarezza su questa intricata situazione è Emanuele Paolucci, segretario generale della Lega Pro, intervistato dalla Gazzetta dello Sport:

 

«Tutti i giovani di serie impegnati con la prima squadra vanno considerati alla stregua dei calciatori inseriti in lista. Ci sono i professionisti e i giovani di serie. Per i primi fanno fede i tamponi, per i secondi le distinte: non possiamo fare altrimenti. Aggiungo per chiarezza che 13 devono essere i giocatori negativi, non i disponibili: gli infortunati, per intenderci, non contano. Dispiace per quello che sta passando il Palermo: c’è massima collaborazione e solidarietà da parte di tutti».


NEWS DI GIORNATA

 

PALERMO-POTENZA, SAGRAMOLA: «CI ADEGUIAMO MA NON È GIUSTO»

 

PALERMO, OGGI NUOVI TAMPONI IN VISTA DEL POTENZA

 

GHIRELLI: «SERIE C SU SKY? OBIETTIVO DELLA LEGA PRO»

 

CORONAVIRUS, PER LA LEGA PRO IL PALERMO PUÒ GIOCARE

 

PALERMO, IN ARRIVO UN NOVEMBRE DA INCUBO: SEI GARE IN UN MESE

 

UFFICIALE: RINVIATA CATANZARO-PALERMO

 

COLANTONIO (PRES. TURRIS): «BISOGNA CAMBIARE IL PROTOCOLLO»

 

SERIE C, GIRONE C: IL PROGRAMMA DELLA 7a GIORNATA

 





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *