INTERVISTA

Palermo, Savoia e il suo porta
fortuna. Parla Sforzini

Palermo, Savoia e il suo porta fortuna. Parla Sforzini



 

 

Protagonista delle due vittorie contro Marina di Ragusa e Fc Messina, Ferdinando Sforzini non poteva trovare modo migliore per rispondere alle voci sulle sue condizioni ritenute non proprio ottimali.

 

Intervistato dal Giornale di Sicilia, Nando Sforzini, dopo i tre gol in due partite, ha parlato proprio delle reti e degli obiettivi da raggiungere:

 

«Se si entra in campo col pensiero fisso di dover segnare, allora non arriva. Volevo tanto segnare sotto la curva e farlo con 17 mila persone è stato bello, emozionante. Per un attaccante questo è tutto».

 

IL SAVOIA

«La loro rimonta ci ha fatto perdere qualche sicurezza. Noi però, più che guardare loro, dobbiamo pensare al nostro campionato, cercando di fare risultato ogni domenica».

 

CONCORRENZA RICCIARDO E GIOVANI

«Con Gianni c’è sempre stata una concorrenza leale, ci aiutiamo molto e questi gol non sono affatto un messaggio. Sarò sincero, mi piace bastonare un po’ i giovani. Non sono un tipo che fa complimenti, anzi, sono uno di poche parole, però se dico qualcosa anche col tono rude è perché a quella persona ci tengo».

 

INFORTUNIO E CONDIZIONE FISICA

«Giravano voci strane che mi hanno dato fastidio. Le ho smentite, con le parole e con i fatti, ma resto concentrato sull’obiettivo. Non posso sedermi adesso. L’infortunio mi ha penalizzato –ammette-, stare fermo per quaranta giorni nel bel mezzo del campionato non è facile. Però, dopo quel rigore sbagliato col Troina, ero comunque positivo, dentro di me c’era sempre la voglia di rifarmi, anche perché questa chance per me è troppo importante. Devo sempre dimostrare di poter far parte del Palermo».

 

LA FAMIGLIA

«Come stiamo vivendo a Palermo? Bene, la mia compagna Sara scende spesso quando giochiamo in casa e di mio faccio una vita normale, da calciatore, anche perché ormai ho 35 anni e devo saper gestire le energie. Mio figlio Marcello lo rivedrò tra due settimane, è venuto per le feste e ora fa la scuola a Roma. Sta iniziando a fare il calciatore, tra scuola e scuola calcio si allena quattro volte a settimana, quasi più di me. Oggi è particolarmente appassionato di calcio. Ogni volta che viene a vedermi faccio almeno un gol».

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

ALTRI ARTICOLI


 

VERSO IL PALERMO. PARLA IL CAPITANO DELLA CITTANOVESE

IN SERIE D PIÙ TIFOSI CHE IN B. LA MIGLIOR AFFLUENZA DOPO ANNI

VERSO LA CITTANOVESE: IN DUBBIO CRIVELLO E PERETTI

FICARROTTA: «IN SERIE D NON C’È AVVERSARIO PIÙ FORTE DEL PALERMO»

PALERMO, SAVOIA E IL SUO PORTA FORTUNA. PARLA SFORZINI






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *