SALVATORE ERRANTE PARRINO

«Con liquidazione di Hera Hora
recesso Di Piazza inefficace»

«Con la liquidazione di Hera Hora recesso Di Piazza inefficace»



Parola a Salvatore Errante Parrino.

Il dottore commercialista, membro del collegio sindacale del Palermo ai tempi di Ferrara e Polizzi, intervistato ai microfoni del Giornale di Sicilia ha parlato della possibile liquidazione di Hera Hora e degli effetti che questa azione avrebbe nei confronti di Tony Di Piazza e del diritto di recesso presentato dall'ex vice-presidente rosanero: 

 

“Lo scioglimento pone in liquidazione l’intera società, da quel momento in poi la società non può svolgere nuova attività. Può pagare i debiti, proseguire le attività in corso e, in parole molto semplici, deve vendere i beni, incassare i crediti e pagare i debiti. Si redige il bilancio finale di liquidazione e il netto, sempre che ci sia, lo si divide tra i soci”.

 

DI PIAZZA

“Di Piazza è messo alle strette perché così il recesso è inefficace e non può ricevere alcunché. È tutta la società ad essere in liquidazione, il recesso si blocca e quel che rimane, se rimane, si ripartisce. Sicuramente, così, si blocca l’operazione di recesso, come dice il codice civile. Dato che il recesso ha perso efficacia, il recedente rimane un socio. Una volta deliberata la liquidazione, essendo il Palermo un asset della società in questione, andrà venduto. Il liquidatore, per legge, ha l’obbligo di vendere i beni sociali. Se nessuno acquista le quote, però, queste potrebbero essere assegnate ai soci di Hera Hora, ma serve il consenso unanime degli stessi".


 

NEWS DI GIORNATA

 

PALERMO, ODJER VERSO IL RIENTRO. ANCORA OUT CORRADO E VALENTE

 

«VOGLIO CHIUDERE LA CARRIERA A PALERMO, NON MI PONGO LIMITI»

 

«CON LIQUIDAZIONE DI HERA HORA RECESSO DI PIAZZA INEFFICACE»

 

GDS - PALERMO, COSTI E RICAVI: LA SQUADRA «PESA» 4,7 MILIONI





12 commenti

  1. chi non salta è zamparini 54 giorni fa

    Molti non vedevano l’ora di liberarsi non della migliore fase in rosanero, ma di un imbroglione, uno tollerato da chi ha un concetto della moralità ammorbato da paragoni imbarazzanti per la sua (?) intelligenza. Uno capace di concepire di rivedere all’opera chi ha commesso reati smascherati dalla Cassaz. pur di stare fare l’ascensore. Mentre punta l’indice su Mirri etichettato come contiguo ad ambienti criminali.Una vergogna inaudita. Ma come possono scrivere certuni senza provare un minimo di vergogna.Provocatore tollerato dalla redazione che ha l’ardire di parlare di libertà di espressione!

  2. chi non salta è zamparini 54 giorni fa

    Solito commento sballato del MASTER TROLL.Paragone fasullo. Da un lato un imbroglione che ha commesso reati evidenziati dalla sez. III della Cassazione, che ha distrutto il Palermo con colpa e dolo. Inutile ricordare i fasti ad opera di chi il Palermo l’ha distrutto.Dall’altro un piccolo imprenditore ripartito dalla D, non per volontà sua e dei tifosi ma per volontà della LEGGE: (lodo Petrucci e seguenti). Forse inadeguato ma più onesto di MZ e che si farà da parte e venderà a gente seria, non i pagliacci inglesi o napoletani reclutati dal pagliaccio MASTER, idolo del MASTER TROLL

  3. Bugia 54 giorni fa

    Fallimento sportivo, economico e societario? Mi viene in mente qualcosa...

  4. Aggregazione galattica lame rotanti 54 giorni fa

    Un fallimento sportivo, economico e societario, è questa la cruda realtà del Palermo della cosiddetta ''rinascita''. Il contrasto con i lunghi anni ai vertici del calcio italiano, ma anche con la prospettiva più che onorevole di diventare squadra ascensore tra A e B - un sogno per il tifo cittadino abituato a vedere la massima serie solo con il cannocchiale - quel contrasto, scrivevo, non potrebbe essere più stridente. Non mi ha meravigliato l'entusiasmo irragionevole di pochi, ma tutt'altro che silenziosi tifosi, che non vedevano l'ora di liberarsi della migliore fase in rosanero.

  5. Paragone 55 giorni fa

    Se la legge glielo permette, scusa, perché no? Etica o non etica?

  6. Bugia 55 giorni fa

    Non mi pare, eticamente, corretto aderire ad un progetto che ti vede socio di minoranza, con tutto ciò che comporta ( anche i bambini sanno che chi detiene il 51% -esempio- in una società decide tutto lui) ....e poi abbandonarlo di colpo.. È etico tutto ciò?

  7. Cornelius 55 giorni fa

    Sono d'accordo con Giovanni Rosanero. Il comportamento di Mirri non è eticamente corretto. Peraltro, se avesse ascoltato Di Piazza a inizio stagione, portando allora il capitale sociale a 15 mln di euro, si sarebbe potuta allestire una squadra realmente competitiva e oggi staremmo a parlare di altri obiettivi ... Invece, no. Si è ricapitalizzato adesso (tardivamente per la stagione in corso) col solo intento di impedire il recesso del socio di minoranza per non liquidargli le quote versate. Una mossa sicuramente da censurare sotto il profilo etico.

  8. Paragone 55 giorni fa

    La liquidazione? Un autentico boomerang.

  9. giovanni rosanero 55 giorni fa

    Bugia, perdonami tu difendi Mirri a spada tratta, è un tuo diritto. Ma secondo te, è normale che il tuo socio esercita il recesso, e tu(Mirri) che non sei in grado di pagare la sua quota, sciogli la società e così non gli devi nulla? Ma se l' avessero fatto a te come ti comporteresti? Non ti sentiresti truffato, io personalmente si. Certe cose me li aspetto da Zamparini e Tuttolomondo, non da Mirri maestro( a parole) di lealtà e trasparenza...

  10. chi non salta è zamparini 55 giorni fa

    Nulla di nuovo dalla infertile mente del valletto perpetuo. Il calcio vero del resto è quello che ha distrutto MZ, con operazioni smascherate anche dalla sez. III della Corte di Cassazione. Nessuna figura retorica da parte di Mirri. Solo un tentativo onesto di fare riavvicinare i tifosi veri alla maglia rosanero, dopo che MZ con le sue mefitiche scatole cinesi offshore aveva ammorbato tutta la città e fatto schifare migliaia e migliaia di persone. La beffa è che Mirri passa per Attila e MZ per Re Mida. Il mondo all'incontrario. Ma è solo Il mondo dei troll kuntakinte. #mzneveragain

  11. Bugia 55 giorni fa

    Già, tipo le operazioni zampariniane...quelle in realtà, molto semplicemente, definibili come intrallazzi finanziari. Dati in pasto alla massa di tifosi..5.000? si, più o meno erano quelli i numeri delle tristi stagioni finali del Palermo targato MZ. Ricordo invece i 20.000 in D del Nuovo Palermo.

  12. Aggregazione galattica lame rotanti 56 giorni fa

    Operazioni finanziarie complesse, quelle in corso alla Che Hora Hera. Ricordano il mondo finanziario del calcio vero, quello aldilà delle figure retoriche date in pasto alle masse (5000) di tifosi, che credevano di poter sostituire intricate costruzioni di bilancio con lo zuccherino del CAP (Cuore, Appartenenza, Palermitaneità). #zeroaquile

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *