IN AGGIORNAMENTO

Concessione Barbera, Consiglio
Comunale aggiornato a domani

Concessione Barbera, Consiglio Comunale aggiornato a domani



 

"In alto mare": in questa calda estate il titolo della canzone di Loredana Bertè esprime al meglio la situazione che si sta vivendo in Consiglio comunale per la concessione dello stadio al Palermo F.C..

 

Le parti che stando discutendo la della convenzione per l'assegnazione del Renzo Barbera sarebbero infatti, stando alle informazioni raccolte dalla nostra Redazione, ancora piuttosto distanti soprattutto per quanto riguarda la pubblicità che si sta rivelando un nodo particolarmente difficile da sciogliere.


LEGGI ANCHE 

 

IL COMUNE POTRÀ ESSERE SPONSOR. LE ULTIME

 

PANCA REBUS. IL PALERMO STUDIA I PROFILI GIUSTI

 

PALERMO, PER IL RUOLO DI ESTERNO PIACE PACILLI


 

Dopo la notizia di ieri circa l'istallazione di 90 impianti pubblicitari non autorizzati all'esterno della struttura di viale del Fante, l'Associazione Pubblicità Esterna (As.Pesha inviato al Sindaco ed al Consiglio Comunale una lettera tramite la quale chiede chiarimenti sugli spazi pubblicitari esterni del Renzo Barbera, sottolineando che secondo la normativa vigente, la concessione degli stessi dovrà essere oggetto di una gara ad evidenza pubblica: «Anche  a  Palermo - si legge nella lettera - tale  principio  è  stato  introdotto  nel  regolamento  sulla pubblicità recentemente ribadito dal Consiglio Comunale. Dalle notizie di stampa sembra che l’amministrazione cittadina intenda assegnare gli spazi pubblicitari esterni dello stadio comunale “Renzo Barbera” (e quindi   quelli   visibili   da   pubblica   Via) che   certamente  rivestono   una rilevanza commerciale notevole. In relazione a tale concessione non v’è dubbio che, ai sensi di quanto previsto dall’attuale regolamento conformemente alla citata giurisprudenza, la stessa dovrà essere oggetto di gara ad evidenza pubblica e sin d’ora la scrivente rappresenta l’interesse da parte delle proprie associate a partecipare alla competizione che sarà indetta».

 

Una situazione che è apparsa sin da subito alquanto rognosa e non di facile risoluzione, e punto di impantanamento per il lieto fine della vicenda legata alla convenzione del Renzo Barbera. Approvazione che, alla luce di quanto detto, quasi certamente non si avrà nella giornata di oggi e porterà ad un nuovo slittamento probabilmente a domani o addirittura a sabato.

 

AGGIORNAMENTO:

La maggioranza del Consiglio comunale ha chiesto una sospensione alle ore 11 per poter completare degli emendamenti da presentare legati ad alcune criticità emerse nelle ultime ore. La seduta è stata riaperta alle ore 15 e nel frattempo il consigliere del Movimento 5 Stelle Antonino Randazzo, ai microfoni di Radio Time, ha spiegato i punti critici della convenzione e le tempistiche per la votazione finale: 

 

«Siamo entrati nel merito della delibera della convenzione nella giornata di ieri, iniziando a trattare quelle che erano le osservzoni da parte dell'amministrazione comunale e le eventuali bozze di proposte che nascono dal confronto fra il capo di gabinetto e il Palermo FC. La maggioranza ha chiesto una sospensione stamattina alle ore 11 per l'elaborazione degli emendamenti frutto del confronto fra il capo di gabinetto con la società di calcio. Ci aspettavamo di poter concludere un po' prima ma sono giunte delle criticità legate alla pubblicità e ci sono degli approfondimenti in corso, speriamo comunque di poter votare oggi o nella giornata di domani». 

 

EMENDAMENTI

«Ci sono tutta una serie di emendamenti tra cui quello che riguarda le compensazioni per attività sociali e scolastiche che sarà inserito, resta da stabilire la compensazione del canone in base a queste attività. C'è inoltre una rimodulazione della manutenzione ordinaria e straordinaria, si sta cercando di chiarire attraverso un emendamento cosa rientra nella ordinaria e nella straordinaria per evitare equivoci in futuro. Inoltre si sta discutendo, nel caso in cui cambino le condizioni per via del Covid come lo stadio chiuso o crisi di mercato, del dare mandato al Comitato Tecnico di valutazione di fare un riaggiornamento del canone. Noi consiglieri comunali non curiamo l'aspetto tecnico quindi non possiamo dire noi a quanto ammonterebbe la riduzione, stiamo chiedendo agli uffici di competenza di farlo in caso di situazioni di cambiamento dovute al Coronavirus». 

 

PUBBLICITÀ

«C'è stata una verifica da parte della polizia municipale e 90 e c'è una procedura in corso, questa è una criticità. L'altra è legata alla gestione dell'impianto al di fuori dello stadio: noi qualche mese fa abbiamo approvato un regolamento che prevede che tutti gli impianti pubblicitari nel territorio del Comune di Palermo siano gestiti mediante bando di gara, su questo si sta aprendo un confronto perché a differenza del passato ci si interroga se metterli al bando di gara e lasciare al concessionario la gestione di quelli interni mentre per quelli esterni, che rappresentano il territorio comunale e quindi visibili dalle strade fare una valutazione diversa come prevedono le nuove norme. Si tratta in un elemento emerso nella giornata di ieri dopo il confronto con Sergio Pollicita, per questo non è stato fatto presente prima. Attendiamo gli emendamenti della maggioranza che cureranno tutti questi aspetti, l'intenzione è di arrivare al voto entro la fine della settimana». 

 

ULTIM'ORA

Secondo quanto appreso dalla nostra redazione è appena terminata la seduta del Consiglio Comunale che ha rimandato la discussione alle 11:00 di domani. Sarà l'occasione per leggere i venti emendamenti che sono stati presentati, di cui diciannove dalla maggioranza e uno del M5S inerente i biglietti omaggio. 

 

ALTRI ARTICOLI





10 commenti

  1. Aggregazione galattica lame rotanti 23/07/2020

    Ringrazio per l'ennesima volta il grande e leggendario @Totuccione per i suoi interventi che denotano sempre una straordinaria capacità di sintesi!

  2. Totuccione 23/07/2020

    riscussi i ru liri....

  3. stadio 23/07/2020

    Paolo, ma che dilapidano i loro soldi per fare divertire i tifosi. Hanno investito x il loro guadagno legittimo. (Se ci riescono)

  4. Chi non salta è zamparini 23/07/2020

    Il soggetto aggregazione orgiastica di locuzioni insultanti è super eccitato per la vittoria del suo padrone e ora si spreca esultando su ogni articolo ah ah ah che godimento! Scommetto che non esultava tanto dai tempi della tripletta di Kjaer contro il Milan Il suo idolo si è ‘aggiudicato una battaglia giudiziaria’. Suggerisco di dare una bella ripassata alla lingua italiana oltre che alla storia del PALERMO squadra che non ha ovviamente nessun legame col soggetto in questione. Questo sito si chiama Forza PALERMO fortunatamente è non Viva Zamparini, ah ah ah

  5. Aggregazione galattica lame rotanti 23/07/2020

    Zamparini, torna!

  6. Yes 23/07/2020

    Hanno fatto di più i giudici di Catania in una settimana che loro in un mese per una cosa assai più ridicola

  7. Tifoso 23/07/2020

    Bravi finalmente cominciamo a ragionare sono giorni che ci prendono per i fondelli con la storia della concessione o meno dello stadio al Palermo. Se lo tengano per giocarci tra loro fino a quando non potremo neanche entrarci per quello che stiamo vivendo da mesi. Dovrebbero vergognarsi ora scoprono che i tabelloni esterni sono abusivi il canone non è adeguato l'erba non è ben tagliata.Mirri ascoltaci non abbiamo nessun problema per quei pochi a cui sarà concesso a venire a Carini lasciali perdere, non dargli neanche una lira.

  8. AntiZampariniForEver 23/07/2020

    Certo che siamo alle solite.....avere a che fare con questi nulla facenti di politici pagati con le nostre tasse che devono sentirsi importanti in tali occasioni da fastidio....è ora che Mirri mostrasse gli attributi e non fosse la mammoletta che i nostri amici dell'ex padrone sostengono da sempre....Io mi baso sui fatto e dico che se tutto questo teatro per una concessione, allora non ci vedo nulla di buono all'orizzonte tenuto conto che la prossima serie C sarà un delirio anche il Bari sarà in C!

  9. Paolo 23/07/2020

    Due umili suggerimenti: Di Piazza, spenda meglio i suoi soldi, lontano da questa città, non dilapidi i suoi soldi in una città con troppi individui, come direbbe Antonino, chi cirivieddi muntati arriviersa 2) la nuova società vada a giocare in uno stadio in provincia, lasci perdere questa finta politica dei falliti. CIOÈ: ci stanno due fessi che resuscitano il calcio fallito come tutta la città, dilapidano i loro soldi per fare divertire i tifosi, fanno funzionare lo stadio, e ora sul loro IMPEGNO provano a specularci ALTRI operatori della pubblicità, che non c'entrano nulla con l'evento.

  10. Tifoso 23/07/2020

    Mentre a Catania il tribunale conduce alla salvezza la squadra locale i nostri amici giocherelloni consiglieri discutono sulla correttezza amministrativa dei cartelloni pubblicitari. Bene, ma dove dobbiamo andare,? Mirri porta la squadra a giocare a Marsala, a carini dove ti accoglierebbero con la fanfara. Noi tifosi ci organizziamo non ti preoccupare.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *