VOTI

Palermo-Avellino, le pagelle:
si salva uno solo, difesa horror

Palermo-Avellino, le pagelle: si salva uno solo, difesa horror



Pelagotti 5,5

Guardando il computo della gara alla fine l’Avellino ha fatto soltanto due tiri nello specchio, peccato però che in entrambi i casi il portiere rosanero ha dovuto recuperare la palla da dentro la propria porta. Davvero poche le sue colpe in occasione di entrambi i gol.

 

Accardi 5,5

Gioca in extremis dal primo minuto per via del forfait di Marconi nel riscaldamento pre-gara. Alla fine il difensore palermitano risulta il migliore di un reparto che da questa gara esce davvero con le ossa rotte, non abbastanza tuttavia da meritare la sufficienza. Mezzo punto in più per la determinazione e per essere stato il giocatore rosanero ad essere andato più vicino al gol. Peccato esista il fuorigioco.

 

Lancini 4,5

L’involuzione di questo ragazzo sta assumendo connotati al limite del grottesco. L’eccesso di foga e probabilmente di self-confidence lo portano a lanciarsi sempre verso l’avversario di turno lasciando perennemente buchi nella retroguardia rosanero. L’esempio lampante di questa scelleratezza è il secondo gol dell’Avellino, dove un ben più agile Fella approfitta dell’autostrada lasciata dal centrale ex Brescia in complicità con il compagno Kanoute. Dopo queste tre gare e con il recupero degli infortunati non sarebbe tanto strano non vederlo più nell’undici titolare.

 

Peretti 5

Lento, macchinoso e molto molto insicuro, il giovanissimo difensore rosanero gioca finalmente nella sua zona di campo privilegiata dopo l’esperimento da terzino ma partecipa anche lui al disastro della retroguardia rosa.

 

Doda 4,5

Se nella scorsa gara abbiamo tollerato l’anonimato della sua prestazione stavolta l’ha fatta davvero grossa. La condizione fisica del terzino rosanero è lontana anni luce dall’essere decente e fin qui, visti gli straordinari obbligati dopo l’infortunio, lo sapevamo e passi pure la figura barbina nell’unica occasione offensiva avuta, dove poteva fare mille altre cose ma dopotutto è un difensore. Proprio per questo però l’errore in occasione della prime rete irpina, dove buca clamorosamente la diagonale su D’Angelo, da un difensore che gioca fra i professionisti non si può e non si deve vedere.

 

dal 28’ Kanoute 5,5

Il suo ingresso in campo crea scompiglio e va due volte “vicino al gol”, per questo Braglia da buon maestro tattico risistema ad inizio ripresa la sua squadra in modo da poterlo contenere. Lui alla sufficienza volendo ci va molto vicino ma la compartecipazione nel gol di Fella è troppo vistosa per non tenerne conto.

 

Luperini 5,5

Va subito in campo dall’inizio e, come ampiamente pronosticabile, la sua gara dura mezz’ora dopo di che sparisce completamente dal campo. L’ex Trapani, tuttavia, è l’ultimo al quale si può oggettivamente chiedere di più perché ci può stare che non conosca ancora i compagni e che la condizione sia ampiamente deficitaria. Dagli altri no.

 

Odjer 6

L’unica anima pia che mi permette di poter dare almeno una sufficienza, ma chiariamo subito che si tratta solamente del meno peggio di tutta la compagine rosanero. Corre, ed è già tanto, mette pezze dove può e sebbene anche lui non sia esattamente esente da colpe, soprattutto in occasione della prima rete dell’Avellino, si merita la sufficienza per essere presente sia in fase difensiva che offensiva.

 

Broh 5,5

Gara assolutamente incolore. Mezzo punto in più perché anche per lui vale in sostanza il discorso fatto per Luperini soprattutto sul piano della condizione fisica.

 

dal 63’ Santana S.V.

 

Valente 5,5

Anche in questo caso, così come accaduto per la trasferta di Terni, è quello che mi ha messo più in difficoltà nella valutazione. Siamo sempre lì: la corsa tutta fascia non manca, a livello difensivo non deve fare granché perché l’Avellino gioca prevalentemente nella fascia opposta e va anche vicino alla rete con un colpo di testa nel primo tempo, tuttavia a livello offensivo e con i piedi non ci siamo proprio. Dopotutto che il Palermo abbia difficoltà nella costruzione della manovra offensiva e nella finalizzazione non è di certo un mistero.

 

Rauti 5,5

Anche contro l’Avellino fa vedere di essere in palla e di essere davvero l’unico in grado di poter fare qualcosa di pericoloso da un momento all’altro ma predica in un malinconico deserto. Per correre corre, per fare movimento lo fa ma alla lunga finisce solo per sprecare fiato e anche lui risulta inoperoso per tutta la durata della gara.

 

dal 72’ Silipo S.V.

 

Lucca 4,5

Sarò breve: nulla di diverso da quanto visto da Saraniti nelle prime due gare.

 

dal 62’ Saraniti S.V.

 

Boscaglia 5,5

La domanda sorge spontanea: quante colpe ha il tecnico di questa prestazione così deludente? Il modulo era obbligato, gli infortuni iniziano a moltiplicarsi e lo zero non soltanto nella casella gol segnati ma soprattutto in quella delle occasioni create è davvero preoccupante. In questo momento si ha la sensazione che questa squadra non abbia completamente modo di fare gol e impensierire nessuno, e le gare si vincono facendo gol. All’allenatore di Gela adesso spetta il compito di sistemare assolutamente la manovra offensiva, con la speranza che possa finalmente smettere di fare di necessità virtù e che possa schierare il Palermo che vuole anziché quello che può mettere.


NEWS DI GIORNATA

 

UN PASSO AVANTI E DUE INDIETRO: BRUTTA LA PRIMA AL BARBERA

 

BOSCAGLIA: «DOBBIAMO RECUPERARE I GIOCATORI»

 

GIRONE C, RISULTATI E CLASSIFICA DOPO LA 4° GIORNATA

 

«PALERMO? SQUADRA CON QUALITA' NON ECCELSE». PARLA PAGLIARULO

 

PALERMO: SILENZIO DALLA REGIONE, BARBERA ANCORA VUOTO

 

FORZAPALERMO.IT LIVE - CON FRANCESCO LUPO: VERSO PALERMO-AVELLINO

 

PALERMO, I CONVOCATI DI BOSCAGLIA PER L'AVELLINO

 

«IN CAMPO PER VINCERE. I GOL ARRIVERANNO». PARLA BOSCAGLIA

 

TEDESCO: «PALERMO, CONTENTO CI SIA BOSCAGLIA»

 

ALTRI ARTICOLI

 





1 commento

  1. Francesco 70 11 giorni fa

    Scusate ma oggi non doveva essere il giorno di Almici???C'ha ripensato??Notizie?

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *