EX ROSANERO

MZ: «Esonerai un allenatore
perché non mise Pastore»

MZ: «Esonerai un allenatore perché non mise Pastore»



L’ex patron del Palermo Maurizio Zamparini torna a parlare del suo passato nel calcio e del rapporto che aveva con i suoi allenatori.

 

Di seguito le sue dichiarazioni a Radio Kiss Kiss:

«Gattuso lo stimo moltissimo, innanzitutto come uomo, poi come allenatore mi sta meravigliando. Sono entusiasta delle ultime partite del Napoli. Insigne sta diventando un Dybala e lo sta diventando per merito di Rino che gli sta dando amore ed affetto. Facevo la formazione a Gattuso? La facevo a tutti i miei allenatori, non li so allenare, ma li so mettere in campo. Ho esonerato un allenatore perché non mi fece giocare Pastore».

 

SPALLETTI

«Mi auguro che venga a Napoli, è un grande allenatore, quando lo presi io era talentuoso, poi ha dimostrato il suo valore. Ha però un grande difetto perché è “toscano” cioé ha un carattere difficile è supponente e crede di essere i migliori al mondo. Feci tutto il campionato con il terzo portiere con Spalletti. lui vestiva sempre di nero e lo chiamavo becchino e gli dicevo che portava sfiga».


NEWS DI GIORNATA

IL PRESENTE, LA TRIESTINA E I RICORDI. MUTARELLI RACCONTA A FP.IT

 

"FERRERO SOGNA PALERMO. PRONTO GRANDE PROGETTO TECNICO"

 

PALERMO, CON FILIPPI UNA MARCIA DA PROMOZIONE





2 commenti

  1. Aristarco Battistini 10 giorni fa

    La testa c'è l'ha sempre a napoli. Ormai bisogna vedere questo soggetto solo come un vecchio rinco...to, arteriosclerotico che straparla. Questa è l'italia, rubi una mela e vai in carcere, truffi la banca veneta, rubi, arraffi, bancarotta fraudolenta e fallimento, e ti chiamano per intervistarti come se nulla fosse.

  2. Giovanni Bagarozzi 10 giorni fa

    Balogh il nuovo Cavani, lui ne capiva

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *