MA BASTA

SERIE C, DUE GIRONI E
SEMIPROFESSIONISMO

SERIE C A DUE GIRONI E SEMIPROFESSIONISMO



IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

 

 

Voglio vaneggiare.
Adagiarmi dentro un ballo soffice con la compagna immaginazione.
Il maestro Stai fresco dirige l’orchestra: un lento d’ottimismo smisurato accompagna l’idea.

 

Abbasso il professionismo. Perché tutti, tranne gli ubriachi, meritiamo una Ferrari, ma se non ce la possiamo permettere, ci dobbiamo attaccare al tram (sanificato, si capisce).
Allora bando alle chiacchiere, che si fanno ogni giorno più noiose di quella - cito il poeta - cagata pazzesca che è la Corazzata Potemkin.
Non ci guardiamo a destra e a sinistra, a destra e a sinistra, e ancora a destra e a sinistra, per restare altri cent’anni sulle strisce pedonali. Attraversiamo la strada.

 

Insomma abbandoniamo l’idea malsana - a chi è venuta? A chi? - che un Serie C a 60 squadre sia una macchina sostenibile dentro il complesso ed articolato e costosissimo mondo dei professionisti.
Si riduca sensibilmente il numero. Serve una mano elementare? Solo quelle che se lo possono permettere davvero.
Due gironi in un sistema semiprofessionistico. Da qui si deve partire perché il calcio rinasca “più bello e più superbo che pria”.

 

LEGGI ANCHE   ULTIM'ORA, LA C TENDE LA MANO ALLA SERIE D

 

Perché in Italia ci hanno abituato a fare finta di niente? Ogni anno ne muoiono una, due, dieci. E ai piani alti del Palazzo - c’è più sabbia che cemento - si girano dall’altra parte.
Eppure lo ricordo bene: quando da bambino la combinavo grossa, non bastava girare la faccia per evitare le urla (ottimismo retroattivo) di mio padre e di mia madre.

No: si cercava la causa, si intendeva l’effetto, si trovava la soluzione. Percorso semplice e lineare.

 

Io ci ho fatto caso, ma sarò il solito complottista: nell’Italia del calcio si usa sempre il termine Rivoluzione, e quasi mai Riforma.
Come a voler riempire il concetto del cambiamento di gravità, insuperabile difficoltà, impossibilità. Dovremmo rivoluzionare. Sì, ad ottobre, coi compagni.

 

La facciano finita. In primo luogo il ministro. Se i soldi per allungare la vita ora al calcio minore non ci sono, lo dica con chiarezza inequivocabile. E poi costringa ad un tavolo i vertici della federazione, delle leghe, dei calciatori, allenatori, arbitri, televisioni.
Il calcio italiano va riformato. Senza esitare.

 

 

ALTRI ARTICOLI

 

LA PROPOSTA SHOCK: FERMARE IL CALCIO FINO AL 2021

 

PALERMO IN SERIE C, L'INTERVISTA A SANDRO MORGANA, VICEPRESIDENTE LND

 

MA QUANTA NOSTALGIA C'È IN QUESTA MAGLIA? FOTO

 

MASSIMO CELLINO È GUARITO

 

ANCHE AL PALERMO MANCA IL «BARBERA»: IL POST

 






4 commenti

  1. stadio 150 giorni fa

    Cittadino, il calcio non è sostenibile x i piccoli imprenditori, è diversa la cosa.

  2. Blackmamba 151 giorni fa

    Non mi sorprendo dei fallimenti, o delle 60 squadre della C, sono anni che mi indigno per LO SCHIFO senza ritegno degli ingaggi che talune società elargiscono ai giocatori. DUE/QUATTRO/QUINDICI milioni l'anno, con gente che supera anche i 100/150 di incassi dichiarati. Solo il 10% di taluni top player forse da un ritorno, ma tutti gli altri sono solo parassiti mangia soldi (Balotelli per citarne uno). aggiungici il 30/40% degli emolumenti presi dai loro agenti è il quadro è completo. Il calcio da tempo è FINZIONE, infatti vincono sempre le stesse, oltre a un mix di malaffare e lucro.

  3. Cittadino 151 giorni fa

    Il sistema calcio non è più sostenibile. Ha costi non più sostenibili. Occorre intervenire e la scusa (ma più che scusa è una necessità) è proprio lui: il Corona virus (e ciò che ha prodotto). Lo ha detto Ghirelli (Presidente della Lega Pro): con l'emergenza in atto, molti presidenti dovranno scegliere come impiegare i loro denari ... Se per salvare le loro imprese o per salvare le loro squadre. Invece di sovvenzionare un sistema mangiasoldi, dimezziamo le retribuzioni di chi opera all'interno di una società di calcio. saranno queste economie a permettere al sistema di sopravvivere.

  4. stadio 151 giorni fa

    W il professionismo, cioè il vero calcio.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *