LE ULTIME

Palermo-Di Piazza: scoppia
la pace?

Palermo-Di Piazza: scoppia la pace?



Se è vero che l’amore trova linfa vitale anche dal confronto - più o meno accentuato - è anche cosa buona e giusta capire l’istante in cui mettere da parte le proprie ragioni per il fine più aulico: il bene comune.

L’amore non è bello se non litigarello, potremmo dire, ma andando oltre il perimetro della banalità ci si potrebbe chiedere se lo stesso concetto si potrebbe applicare alla situazione attuale in Viale del Fante.

 

Nella fattispecie, e se tra il Palermo e Tony Di Piazza scoppiasse la pace? Senza sembrare troppo ottimisti, ci sono segnali empirici, tangibili che portano a pensare ad un lieto fine della vicenda. In tal senso, ciò che filtra è che il basso profilo esercitato dell’imprenditore italo-americano assume sempre più le sembianze di chi persegue l’intento di dare tranquillità e serenità dopo gli scossoni dell’ultimo periodo. Forse lo stesso Di Piazza ha intuito come qualsiasi dichiarazione posta in essere attualmente possa causare tensione attorno all’ambiente Palermo, da qui la volontà di abbassare i toni a prescindere da tutto.

 

L’intento sarebbe quello di non creare ulteriori fraintendimenti, così si è scelto la via del silenzio come lo stesso presidente Dario Mirri ha fatto da tempo. Per quanto concerne l’eventuale riappacificazione o confronto chiarificatore tra le parti sarà fatto nella sede opportuna, per il bene ultimo che è e rimane il Palermo

Lasciare che le cose facciano il loro corso senza andare a mettere ulteriore benzina sul fuoco, evitando ulteriori possibilità di incomprensione. È questo che sembra suggerire il comportamento attuale nonché il silenzio dietro al quale si è trincerato lo stesso Tony Di Piazza.







Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *