AI NOSTRI MICROFONI

«Palermo, percorso di autostima»
Parla Di Bari

«Palermo, percorso di autostima». Parla Di Bari



«In un periodo particolarmente difficile come l’attuale, in cui gli stadi sono vuoti, poter puntare su un giovane può essere positivo. Secondo me è il momento migliore, nonostante le critiche che arrivano dall’esterno. Il Palermo punta ai play off e in quest'ottica il ragazzo può essere caricato di responsabilità ma allo stesso tempo può migliorare».

 

Con queste parole il direttore sportivo Giuseppe Di Bari ha esordito ai nostri microfoni. Una chiacchierata in cui l'esperto dirigente ha fatto il punto sul mercato appena concluso, facendo anche una disamina sul Palermo

 

CONTINUA

«Non essendoci la pressione del pubblico allo stadio, Lucca si esprime con più tranquillità facendo prevalere quella incoscienza che è insita nella giovane età. In questo momento il ragazzo sta facendo un percorso di crescita, acquisendo delle certezze: sarà il futuro a dire sul suo conto. La presenza di Saraniti - attaccante di esperienza - può aiutare anche il cammino di crescita. Con il pubblico - dal mio punto di vista esterno - la situazione probabilmente sarebbe stata affrontata diversamente. Palermo ha valorizzato tanti calciatori poi diventati di alto livello e in questo senso si vuole dare continuità investendo sui ragazzi e puntando ai play off».

 

BARI

«Lo scorso anno i pugliesi hanno trovato la Reggina che ha dominato il campionato, quest’anno la Ternana sta battendo qualsiasi record. Dal mio punto di vista la squadra di Lucarelli è la più forte di tutti e tre i gironi. Il Bari sta facendo un ottimo percorso: sono arrivati calciatori più funzionali al tecnico Auteri, sia per la seconda parte del torneo sia principalmente in ottica play off».

 

CAMPIONATO AVVINCENTE

«Il Bari deve stare tranquillo e fare il suo percorso. Sicuramente avrà la pressione di Avellino, Catania - la squadra etnea si è rinforzata - Catanzaro e il Teramo che non ha pressioni. Il Palermo è consapevole che il suo percorso sarà quello di ritrovare la propria autostima, dando continuità ai risultati e cercando di tirare il meglio dal materiale umano a disposizione del tecnico Boscaglia. Sarà il mister - con le proprie capacità e l’esperienza acquisita negli anni - in questa seconda fase della stagione, a trarre il massimo dalla rosa a disposizione».

 

IN CONCLUSIONE UN PENSIERO SUL MERCATO DELLA REGGINA

«La società amaranto ha avuto la possibilità di cambiare alcuni calciatori e di recuperare qualche altro giocatore importante. Il cambio di allenatore per forza di cose ti porta a modificare l’assetto anche della squadra. Sono arrivati Crimi, Montalto, Edera per dirne alcuni: i cambiamenti a volte possono essere positivi, altre meno. La società ha cercato di seguire la linea del nuovo tecnico prendendo interpreti funzionali al nuovo sistema di gioco. Sono stati degli acquisti mirati e di livello, un buon mercato».


 

NEWS DI GIORNATA

 

PASSI AVANTI PER LUPERINI, KANOUTE NON CONVINCE: LE PAGELLE

 

IL PALERMO È ANCORA VIVO: CON LA TERNANA UN PARI CHE STA STRETTO

 

BOSCAGLIA: «PARTITA DA VINCERE. CONSAPEVOLI DELLA NOSTRA FORZA»

 

CRIVELLO: «DOBBIAMO TROVARE CONTINUITÀ, CLASSIFICA INGUARDABILE»

 





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *