LA REPUBBLICA

Palermo, continua il confronto
per il Renzo Barbera

Palermo, continua il confronto per il Renzo Barbera



Continua la diatriba fra il Comune di Palermo e la società rosanero per quanto concerne la concessione dello stadio.

La Repubblica stamane in edicola pone l'accento sul canone annuo previsto per la concessione, circa 341 mila euro per sei anni. Il tutto ritenuto eccessivo dal Viale del Fante.

 

Il quotidiano si chiede quanto le altre società italiane paghino per usufruire dello Stadio. Il Bari non paga alcun canone ma si occupa soltanto della manutenzione ordinaria. Nella città di Messina il Comune ha posto in essere un bando con concessione da 300 mila euro in trent'anni, ossia dieci mila euro annui. 

 

Poi ci sono altri esempi in giro per l'Italia come l'Avellino che per il Partenio corrisponde 114 mila euro annui, il Monza di Berlusconi 10 mila euro all'anno e il Cosenza 50 mila euro. 

In tal senso l'idea più importante rimane il diritto di superficie attraverso cui l'amministrazione comunale può cedere la titolarità dello Stadio alla società rosanero. 

 

Il Palermo entro il 29 luglio dovrà inoltrare la richiesta di iscrizione al prossimo campionato di Serie C con annessa la documentazione per la concessione dello stadio Renzo Barbera


 

ALTRI ARTICOLI

 

PALERMO - CASERTA NESSUNA CERTEZZA: LE ULTIME

 

FALLIMENTO PALERMO, CONDANNATO GIOVANNI GIAMMARVA

 

FORZAPALERMO.IT LIVE- CON FRANCESCO LUPO

 

PERGOLIZZI: «ENTRATO NELLA STORIA DEL CLUB. UNA DELUSIONE NON PROSEGUIRE»

 






1 commento

  1. Tifoso 42 giorni fa

    Ripeto , presidente Mirri e DIrettore Sagramola , lasciateli perdere. Si parla oggi di far accedere agli stadi minime percentuali sempre che tutto vada bene come speriamo. Accettate l'invito degli amici marsalesi che pagherebbero per accoglierci e destinate le risorse alla nostra amata squadra. Forza Palermo.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *