NICOLA VALENTE

«Spero di restare a vita. Voglio
vincere con questi colori»

«Spero di restare a vita. Voglio vincere con questi colori»



Tra gli acquisti del Palermo di quest’anno, anche quello di Nicola Valente, l’ala mancina arrivata in rosanero dalla Carrarese.

 

Il giocatore, che negli anni ha vestito anche la maglia di Siracusa e Pordenone, si è subito messo in mostra in quel di Petralia Sottana alla corte di mister Boscaglia.

 

Proprio il classe ’91 ha rilasciato alcune dichiarazioni alla Gazzetta dello Sport:

 

«Secondo Baldini tra me e il Palermo doveva nascere una storia d’amore? A questo punto devo dire di sì. Con Bentivegna avevamo un bellissimo rapporto. L’anno scorso verso ottobre era infortunato ed era andato a vedere il Palermo, mi ha inviato quel video e mi sono venuti i brividi -racconta Valente -. Il Palermo lo guardavo già da ragazzino in tv quando era in A, c’erano giocatori che sono diventati campioni, era una delle prime sei squadre in Italia. Nemmeno ti capaciti che sia in C. Dico di più, se mi avessero chiamato in Serie D sarei venuto di corsa. Ci sono momenti durante gli allenamenti, in cui magari sono po’ giù. Basta voltarmi un attimo, vedere lo striscione che c’è in campo con lo stemma e dico “Cavolo ragazzi sono a Palermo, da non crederci”. Per me vale il Milan o l’Inter».

 

 

LA SCELTA PALERMO

 «Sembro stupito di essere qui? Sì, perché di solito quando società così importanti tornano nel professionismo vanno a cercare giocatori di un certo calibro per salire subito. Io ho fatto dei buoni campionati, ma non pensavo che potessero pensare a me. È stato fantastico».

 

OBIETTIVI E RIMPIANTI

 «Se sono in C è anche un po’ colpa mia, probabilmente perché non ho preso i treni gusti, forse perché da ragazzo non ero seguito da nessuno. Quello che posso dire è che ho ancora tanta fame, sono arrivato tardi nel professionismo e mi sento un ragazzino che vuole fare la scalata. Baldini, poi, mi vuole bene ed è di parte, però, sta a me dimostrarlo».

 

CARTELLINO

«Ero con la Sambonifacese, la terza squadra di Verona in C2, venni girato in prestito dai 17 ai 18 a una squadra di Serie D, feci molto bene e mi comprarono, ma non essendo seguito da nessun procuratore ho firmato senza sapere che mi sarei vincolato fino a 25 anni. Ogni semestre avevo possibilità di andare in C, ma la società me lo impediva chiedendo tanti soldi. A 23 anni ho preso i miei risparmi e mi sono comprato il cartellino».

 

NUMERO DI MAGLIA

 «Il 30 come Nestorovski? Anche se quest’anno non lo potrò indossare per la numerazione fino a 22. In realtà mi piaceva perché l’aveva Oba Martins dell’Inter, era il mio idolo perché era velocissimo, io sono tifoso nerazzurro, lo andai a veder anche in ritiro, mi feci fare pure una maglietta dell’Inter con scritto Valente e il numero 30».

 

ESULTANZA

 «La linguaccia come Del Piero? Non è proprio presa da lui, però da piccolo mi dicevano che gli assomigliavo. Ho avuto molti punti di riferimento importanti, uno su tutti Ronaldo, quello dell’Inter ovviamente, ancora oggi guardo dei suoi video prima di scendere in campo per caricarmi. Però, sono più simile a Martins. Del Piero è inavvicinabile».

 

BALDINI E BOSCAGLIA

«Sono due allenatori molto bravi che ti insegnano tanto. Hanno in comune il gioco sugli esterni nella fase offensiva. Sono molto contento di lavorare con Boscaglia. So che si conoscono bene e che si sono sentiti. L’anno scorso alla Carrarese giocavamo pure con il 4-2- 3-1».

 

LA SCELTA PALERMO

 «Appena ho avuto questa possibilità non ci ho pensato un attimo. O hai la Serie A dietro, oppure sei un pazzo a non venire qua. Palermo è storia. Un giorno potrò dire a miei nipoti di avere giocato con questa maglia. Spero di restarci a vita. Ho voglia di vincere con questi colori».

 

MIRRI E BARI

 «Mi ha stupito quando l’ho conosciuto, mi ha detto ‘Ciao Nicola’ come se fossi uno di famiglia. Ha un’umanità incredibile. Il Bari è una squadra che parte per vincere il campionato, ha giocatori importanti. Con la Carrarese siamo andati là a fare una buona partita. Ho visto una squadra molto forte. Proveremo a dargli molto fastidio».


 

ALTRI ARTICOLI

 

 

CALCIOMERCATO PALERMO: BROH IN ARRIVO ENTRO LA SETTIMANA

 

«TORNERAI DOVE MERITI DI STARE»: SFORZINI SALUTA IL PALERMO

 

FELICI RINNOVA CON IL LECCE: IL COMUNICATO

 

PRESTITI E COSTO ZERO: È IL MERCATO DELLA C, BELLEZZA





7 commenti

  1. Michelozzo 43 giorni fa

    I riscussi i ru liri i fannu i cristiani i ru liri. E Totuccione li riconosce al volo.

  2. Psichiatra 43 giorni fa

    Solo una misteriosa malattia mentale può causare questa bulimia incessante - dall'alba a notte fonda - di commenti i.di.o.ti. oltrepassa le mie competenze.

  3. Bugia 43 giorni fa

    Si va sempre più delineando il destino di zamparini! Miracoli della giustizia.

  4. chi non salta è zamparini 43 giorni fa

    Il soggetto aggregazione orgiastica di locuzioni insultanti non finisce mai di instupidire. Un vero, autentico TROLL

  5. Totuccione 43 giorni fa

    riscussi i ru liri.....

  6. Aggregazione galattica lame rotanti 43 giorni fa

    Sì va sempre di più delineando uno squadrone che rimescolerà le carte del calcio professionistico in Europa! Miracoli dell'Appartenenza.

  7. fraterosanero 44 giorni fa

    Dalle interviste dei giocatori nuovi acquistati si vede che si tratta di calciatori che stimano molto il nostro blasone e di ciò va riconosciuto il merito alla Società. Ora siamo in C ma almeno chi viene ci considera uno squadrone. Quando eravamo in A non si poteva sopportare gente come Zaccardo che diceva: “Palermo è una bella vetrina”, e Zamparini che subito attaccava il prezzo sul manichino. Almeno ora non siamo più un supermarket. Meglio la povertà con onore che la ricchezza col disonore.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *