GIAMMARVA

«Parlano i fatti, Zamparini ha
dato molto. Io ho le mie idee»

«Parlano i fatti, Zamparini ha dato molto. Io ho le mie idee»



Il calcio e i colori rosanero sono entrati a far parte della vita di Giovanni Giammarva e della sua famiglia. Proprio di questo e del rapporto con la città ha parlato il presidente del Palermo ai microfoni del Corriere dello Sport:

 

 «Il calcio è entrato nelle mie vene e in famiglia. Le mie figlie vanno allo stadio con sciarpe e colori rosanero. Io mi astengo per pudore ma ne avrei voglia. Mi sta piacendo e so che da presidente debbo avere un rapporto intenso con la città, i tifosi, i giocatori, le istituzioni. A Cesena, a Bari ho incontrato la squadra in albergo. Ho visto ragazzi attenti e seri che percepivano il senso del discorso imperniato sulla totale disponibilità per tornare tra le grandi. La città è pronta per una squadra forte e tutto cambierà, in meglio, con il salto in A».

 

Giammarva si racconta: «Il Palermo non poteva essere abbandonato»

 


Il ruolo di Giammarva tuttavia non si dimentica, infatti il presidente ha anche parlato del Palermo dal punto di vista economico:



«Intanto, mentre aspettiamo la decisione del Tribunale, il nuovo bilancio ha messo in evidenza una migliore performance economico-patrimoniale. E posso garantire che siamo in evoluzione con un trend positivo anche per quanto riguarda i contratti di pubblicità, gli sponsor, il marketing. Una parte della città non va allo stadio e non spinge. Non si rende conto che una promozione determina nuovi investimenti a beneficio dell'economia cittadina e del sociale»


>>Giammarva: «Sarò presidente finché necessario»

 


In conclusione, anche  parole sul futuro della società:

«La società può produrre altri Fiordilino, Accardi e La Gumina, esportare un modello palermitano. Mortificare questo aspetto sarebbe un peccato. Zamparini ha dato molto. Parlano i fatti e non lo dico perché sono con lui. Sia chiaro: ho le mie idee e non sono uno "yes man". E comunque, con l'amore si costruisce, con il rancore si distrugge. È questo il messaggio che lancio».






9 commenti

  1. CiuridduScaiNius24® 281 giorni fa

    Si certo come no io lo capisco, quando scoppia la passione è irrefrenabile. io ad esempio ho visto un quarto d'ora di Curling e mi sono innamorato, sono andato a comprare un pallone super santos e una s***a vileda e nel corridoio di casa mia con un ventilatore messo a tre che soffiava sul pallone, mi misi a puliziare il pavimento per farlo andare più veloce, mi sono messo pure la sciarpa del goteborg curling club. MA VA FAN,...!!!!! jajjajajajajajajjajajjaj ma che abbiamo fatto di male per tutto questo jajajajajjajajajajjaj

  2. Tom 281 giorni fa

    Umiltá prima di tutto e purtroppo questa si e´persa tanto tempo fa tra i tifosi. O grandi giocatori e grandi traguardi oppure il Palermo calcio, societá e tutto quello che lo circonda" su cose inutili " o "non serve a niente " Quando tutti ritorenrrano con un briciolo di umiltá sul pianeta terra e ricominceranno ad amare la popria squadra e i propri colori senza chiedere niente in cambia, allora sará di nuovo una vera tifoseria e una realtá nuova, con la passione di una volta ( senza imputare colpe superflue alla societá o chi ne fa le veci ) FORZA PALERMO sempre e ovunque

  3. federico||| 281 giorni fa

    MA...VA..FA...NGUL...

  4. C'est si bon 281 giorni fa

    Presidente, prima di tutto dobbiamo recuperare l'intellighentia del tifo rosanero. I maestri di pensiero, gli illuminati, per un Palermo nuovo, moderno, all'avanguardia. Oltre i confini della città, della Sicilia, del Paese. Un Palermo Europeo, anzi un' Europa-RosaNero.

  5. Claudio P. 281 giorni fa

    La serie A è un dato futuribile, lo fate per scontato ma non lo è. I debiti da pagare sono consistenti, i giocatori con appeal da decine di.milioni di euro sono finiti da un pezzo. Gli sponsor....lasciamo perdere. Possiamo ambire a una gestione oculata come sta avvenendo adesso, oculata e senza sprechi, oppure tornare allo schema delle vendite continue, sperando che i sostituti riescano....in ogni caso siamo fuori dal giro delle medio grandi, perché non possiamo sforare

  6. Francesco 281 giorni fa

    Poche risorse rimaste? Gli introiti non sono "risorse rimaste" ma incassi continui. In serie A fatturato netto di 60/70 milioni, senza contare eventuqli plusvalenze. Meglio astenersi invece di commentare senza sapere di cosa si parla.

  7. Palermo Football Club 281 giorni fa

    Praticamente non c'è futuro senza zamparini? Assolutamente no! Un bacino di utenza di 1,5 milioni di tifosi in tutta Italia e un fatturato di 50-70 milioni base (senza plusvalenze) senza che un presidente esca soldi di tasca sua. Se davvero mettesse il cartello vendesi fuori la porta ci sarebbe la fila per compralo.

  8. Claudio P. 281 giorni fa

    Non c è nessun nuovo proprietario all orizzonte! Ancora aspettate Godot. Non ci sarà più un Palermo forte in serie A! Ancora aspettate il Palermo del massimo risultato sportivo, senza capire che questo è il.massimo risultato possibile: una gestione normale,delle poche risorse rimaste

  9. Aquilotto 281 giorni fa

    I VARI YES MAN ALLA CORTE DEL FRIULANO ORMAI NON INCANTANO PIÙ NESSUNO ,ANCHE QUESTO NUOVO PSEUDO PRESIDENTE SARÀ DIMENTICATO QUANTO PRIMA E NON SI PENSI CHE CON UNA EVENTUALE PROMOZIONE POSSA CAMBIARE DI MOLTO L'AFFLUENZA ALLO STADIO.ORMAI È CHIARO CHE LO STADIO SI RIEMPIRÀ DI NUOVO SOLO CON UN CAMBIO AL VERTICE. TUTTI UNITI CON QUESTA PROTESTA CIVILE E CONTINUIAMO A DIMOSTRARE CHE SIAMO UN POPOLO CHE HA DIGNITÀ

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *