FUTURO

Palermo, c'è chi pensa
al futuro

Palermo, c'è chi pensa al futuro



Come più volte precisato il Palermo Calcio procede verso l’esclusione dal prossimo campionato cadetto.

E poi? Il Corriere dello Sport oggi in edicola si sofferma sul futuro immediato che attende la società di Viale del Fante.

La tempistica per allestire il nuovo corso è strettissima e come accaduto lo scorso anno a piazze come Bari, Avellino e Cesena il Palermo avrà definitiva contezza della categoria non prima della fine di luglio.

 

Nonostante ancora l’esclusione della società rosanero non sia ufficiale c’è già chi pensa al futuro.

Per rilevare la società e convincere il sindaco della bontà del progetto servirà un investimento intorno ai 3 - 5 milioni di euro - precisa il quotidiano - salvo poi rimpinguare la cifra per accorciare i tempi di risalita e allestire un progetto da subito vincente.

Il bando dovrà prevedere un programma triennale con determinate garanzie.

 

I soggetti interessati sarebbero molteplici: da Ferrero - che però prima preferirebbe vendere la Doria - ad una misteriosa cordata cinese per arrivare al duo Mirri - Sagramola con un progetto sulla falsa riga della Lodigiani anni 90 di cui lo stesso Sagramola fu artefice come dirigente.

La caratteristica fondamentale -  conclude il quotidiano - su cui si fonderà il nuovo corso sarà l’autonomia. Il Palermo non deve essere da secondo a nessuno quindi niente proprietari di altre società come accadde alla famiglia Sensi quando nel 2000 acquistò la società rosanero da Ferrara.

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

Palermo, inizia la
settimana più lunga

 

Palermo, c'è chi pensa
al futuro

 

Palermo, Sporting Network. 
Comunicato Ufficiale

 

Ferrero: «Da mesi sono
in contatto con Mirri»





6 commenti

  1. Il Moro 01/07/2019

    Che il sindaco Orlando faccia aggiungere al bando anche il divieto di far partecipare presidenti che vendono il proprio club x venire a Palermo, no a BECERI OPPORTUNISTI DELLA PEGGIORE RAZZA che fino al giorno prima sventolavano una sciarpetta di un altra città x poi l'indomani venire a Palermo e sventolare al collo quella Rosanero e professare affetto....stile il friulano, DI QUESTI AMORI da due di coppe nella briscola a denari NON NE ABBIAMO PIÙ BISOGNO...Scusate io la penso cosi ci siamo passati e sbagliare è umano perseverare sarebbe diabolico....

  2. Antonio Morana 01/07/2019

    Io spero con tutto il cuore, che questi siano nel giusto e che riescano a fare valere le loro ragioni, cosi da scongiurare una penosa serie D...FORZA PALERMO e un bel S.U.C.A. a tutti gli attassatori che sperano nel fallimento sia che essi siano pseudo tifosi del Palermo che speculatori e sciacalli. PS: spero che la redazione mi passi il S:U:C:A:

  3. Antonio Morana 01/07/2019

    A me hanno insegnato che prima di parlare bisogna prima essere sicuri di ciò che si dice (riferito a tutti quelli che hanno già emesso una sentenza) fino a prova contraria dovrà prima arrivare l'esito della covisoc e della figc...dopo di che si potrà dare una sentenza...sperare nel fallimento del Palermo per prenderlo a 2 lire è da schifosi maledetti.

  4. Aggregazione galattica lame rotanti 01/07/2019

    Il futuro? Ma di cosa stiamo parlando? MI DIFFIDO a parlare di futuro, essendosi CONCLAMATA la proprietà, con buona pace di tutti, e avendo in data odierna già risolto il disguido tecnologico, a tutela della qui presente congrega. Buona Alyssa a tutti!

  5. Fabio 01/07/2019

    Lo sciacallo é chi lo ha gonfiato di debiti e scaricato ai primi che passavano nonostante strillava che era sanissimo. Nessun imprenditore serio si sarebbe mai accollato una squadra di b con 47 mln di debiti.il Palermo é un morto che cammina da anni prima o poi il botto doveva farlo.

  6. Antonio Morana 01/07/2019

    Sciacalli di m.e.r.d.a.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *