AI NOSTRI MICROFONI

«Iachini mi voleva a Palermo
Zamparini no» Nocerino a FP.it

«Iachini mi voleva a Palermo, Zamparini no» Nocerino a FP.it



IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

 

Sto bene, sono a casa con mia moglie e i miei bambini. Studio per allenatore e aspetto che tutto questo casino passi: ho iniziato il corso per diventare un tecnico. Guardo partite, mi aggiorno perché voglio diventare un allenatore: penso di aver scelto il ruolo perfetto per me.

 

Sono queste le prime parole dell’ex centrocampista del Palermo Antonio Nocerino. Un’intervista a tutto tondo dove traspare l’imperituro amore nei confronti dei colori rosanero, dei tifosi e della città. Dai ricordi al suo addio, con la possibilità di un ritorno all’ombra di Monte Pellegrino.

Poi tanta emozione nel dedicare un pensiero finale al popolo rosanero.

 

Ho seguito il Palermo finché il campionato si è giocato, lo seguo sempre. Mi lega un grande affetto alla città, alla squadra e ai tifosi: mi auguro che il Palermo possa vincere il torneo per arrivare in Serie C, senza dimenticare che la cosa più importante è la salute.

 

Il ritorno.

«Mi sarebbe piaciuto tornare a Palermo, per due volte sono stato vicino al ritorno in Sicilia: la prima quando c’era Iachini in panchina, ma lì Zamparini non ha dato il consenso. Poi la scorsa estate quando Castagnini mi ha chiesto quali fossero le mie intenzioni, ma a quel punto volevo venire qui in America per stare con la mia famiglia e conseguire il patentino da allenatore».

 

Continua.

«Però se la mia famiglia fosse stata in Italia, avrei deciso di ritornare a giocare a Palermo. Castagnini mi ha chiesto cosa volessi fare ma dopo l’esperienza di Benevento mi era passata la voglia di spostarmi continuamente, quindi ho scelto di tornare qui in America per stare vicino alla mia famiglia. Non avevo più la voglia mentale di fare certi spostamenti da un luogo all’altro, anche se la possibilità di tornare a Palermo mi ha scosso, ne parlavo anche con mia moglie».


 

ALTRI ARTICOLI

 

IL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO FRENA LE RIAPERTURE: IL DOCUMENTO

 

SPADAFORA: «FACILE DIRE CHIUDIAMO IL CAMPIONATO» VIDEO

 

MUSUMECI: «SONO DELUSO, MOLTO DELUSO DA CONTE»

 

LA UEFA AIUTA LE FEDERAZIONI: EROGATI 236,5 MILIONI DI EURO

 

CORONAVIRUS, SEI CASI A TERMINI IMERESE






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *