Palermo, closing, procura: cronistoria di due settimane assurde - Forza Palermo Calcio Giornale
FUORI DAL CAMPO

Closing e procura: cronistoria
di due settimane assurde

Palermo, closing, procura: cronistoria di due settimane assurde



IMMAGINE  NON SEGUI FORZAPALERMO.IT SU INSTAGRAM? CLICCA QUI

 

Se un tifoso del Palermo potesse raccontare gli ultimi giorni che ha vissuto la sua squadra del cuore non saprebbe da dove cominciare. Le vicissitudini si sono sommate giorno dopo giorno da lunedì scorso tra cessione societaria e questioni giudiziare, tanto da far passare il calcio giocato in secondo piano, quasi come una questione esterna e lontana dal pensiero dei tifosi. 

 

È vero che da ormai due anni il tifoso rosanero si è abituato a seguire vicende extracalcistiche: la cessione è sempre sulla punta della lingua di tutti i frequentatori di bar a Palermo e le vicende giudiziarie non finiscono di seguire il club rosanero sin dalla trattativa tramontata con Baccaglini. Ma questi ultimi giorni sono stati tra i più concitati: le pagine dei giornali si sono riempite ogni giorno di fatti nuovi non inerenti al campo. E alla fine il comunicato tanto atteso del closing arrivato ieri mattina.

 

LUNEDÌ 19

Andiamo con ordine: dopo l'interruzione della trattativa con Follieri, Zamparini annuncia un accordo vicino con una cordata segreta quotata in Borsa. Lunedì 19 novembre si avevano in testa le dichiarazioni del giorno prima, quando il patron annunciava la conclusione di quest'ultimo accordo e la sua permanenza come consulente.

Lunedì nei giornali si è letto che la trattativa era veramente in chiusura e che la nuova cordata aveva messo a disposizione addirittura dieci milioni già per il mercato invernale per puntare alla promozione in Serie A. 

 

MARTEDÌ 20

Il giorno successivo arrivano nuove conferme sul fronte cessione, tanto che viene annunciato un incontro per il deposito delle firme e l'annuncio della conclusione della trattative, ma nel pomeriggio arriva la prima notizia sul fronte giudiziario: il Tribunale del Riesame pubblica le motivazioni che hanno portato Zamparini agli arresti domiciliari in relazione alle indagini sulla cessione della Mepal ad Alyssa.. I giudici hanno definito Zamparini una "persona altamente negativa e incline alla commissione di delitti di falsità".

 

MERCOLEDÌ 21

Mercoledì esce la prima notizia riguardante la Procura di Caltanissetta, che ha indagato sulla fuga di notizie dell'istanza fallimentare di cui è stato coinvolto il Palermo. L'indagine riguarda l'avvocato Di Trapani, il giudice Sidoti e l'ex presidente Giammarva. Poco dopo verrà pubblicata una intercettazione telefonica tra Zamparini e l'avvocato Di Trapani. Su queste intercettazioni emerse dalle indagini della Procura di Caltanissetta verterà l'indagine che ha scatenato di nuovo il caos in casa rosanero. 

 

GIOVEDÌ 22

Il giorno successivo, però, le attenzioni si spostano sul fronte cessione: sui giornali si leggono le dichiarazioni di Zamparini che annuncia un comunicato in breve tempo. Infatti, nella mattinata arriva la nota di Financial Investiments che annuncia, attraverso l'advisor Maurizio Belli, la conclusione della trattativa per la cessione del 100% delle quote del Palermo ad uno degli acquirenti che avevano mostrato interesse per il club. La giornata prosegue con le varie reazioni contrastanti a questo scossone annunciato proprio dal patron. 

 

VENERDÌ 23

La giornata di venerdì si è aperta con le questioni societarie, per poi concludersi con la partita del Palermo a Verona, terminata in pareggio. Sui giornali si è letta l'intervista a Belli, che ha confermato la conclusione della trattativa e l'attesa per il closing entro la fine di novembre. Inoltre, Belli ha detto che la società acquirente si occupa di sport facendo aprire nell'ambiente palermitano un toto-acquirente senza troppi risultati. 

 

SABATO 24

Oltre al post partita, il sabato è condizionato anche dalle intercettazioni uscite tra Zamparini e Di Trapani: l'avvocato ha confermato la validità della sentenza del Tribunale che aveva scagionato il Palermo dal fallimento. Il tutto sembrava essersi risolto con il Palermo primo in classifica, ad un passo dalla cessione, con i tifosi pronti a ritrovare l'entusiasmo perduto da anni. Nel pomeriggio il sottosegretario allo sviluppo economico Geraci rivela l'interesse di un gruppo cinese all'acquizione del Palermo: è solo un granello di sabbia nel deserto che non avrà più seguito. 

 

DOMENICA 25 e LUNEDÌ 26

La domenica viene vista come la giornata che precede un possibile sviluppo in termini di closing, l'ultimo giorno della settimana prima della svolta in positivo. Invece, la svolta arriva in negativo: lunedì il comunicato della Procura di Caltanissetta che descrive come Giammarva e Sidoti avrebbero pilotato l'esito dell'istanza fallimentare in favore del club rosanero causando la sospensione dei due dalle rispettive attività per un anno. Le conseguenze sul closing preoccupano non solo i tifosi, ma anche Zamparini stesso che, in più interviste, sostiene di essere vittima della Procura che vuole impedire un futuro roseo al Palermo. Il patron è volato a Londra per chiudere la trattativa, sempre che queste ultime notizie giudiziarie non facciano fare un passo indietro all'acquirente.

 

MARTEDI' 27

Il giorno dopo il caos arrivano nuovi dettagli e intercettazioni sul caso mancato fallimento sempre con Sidoti e Di Trapani protagonisti. Nel frattempo Zamparini è a Londra, ma sulla cessione societaria non filtra nulla. Il silenzio sul closing fa sperare in un lieto fine a breve, ma al tempo stesso fa temere il peggio.

 

MERCOLEDI' 28

Mercoledì doveva essere il giorno indiziato per il closing, a detta di Zamparini, ma il patron rimescola le carte e annuncia che parlerà direttamente quando presenterà la nuova proprietà: "oggi, domani, lunedì", chissà.

 

GIOVEDI' 29

Il giorno prima della partita contro il Benevento escono nuove intercettazioni tra Giammarva e Zamparini e tra il giudice Sidoti e D'Antoni che avrebbe avvertito in tempo Giammarva, il quale poi avrebbe avvisato Zamparini del pericolo che rischiava se non si fosse dimesso da presidente. 

 

VENERDI' 30

Sui giornali, oltre alla presentazione della partita, si legge come i pm di Caltanissetta starebbero pensando ad una nuova istanza di fallimento dopo aver ascoltato Giammarva e Sidoti. 

 

SABATO 1

Una giornata che sarebbe stata dedicata al commento dopo il pareggio interno contro il Benevento si è trasformata in un momento storico per la comunicazione ufficiale del passaggio di proprietà alla società londinese. Poco dopo arriva anche la lettera di Zamparini che saluta la città e i tifosi rosanero. 

 

Doveva essere la settimana di fuoco, poi sono diventate due. La vicenda della cessione societaria si è chiusa con la presentazione dei nuovi proprietari fissata per la prossima settimana, mentre la questione giudiiziaria continuerà, ma non è detto che il Palermo sia implicato in tutto questo, visto che anche Zamparini non fa più parte della proprietà rosanero. 

 


ALTRI ARTICOLI

 

GDS- PLATT NEL NUOVO CDA. NUOVA PROPRIETÀ IN CITTÀ MARTEDÌ

COMUNICATO DELLA SOCIETÀ: «CIFRA DI VENDITA SUBORDINATA...»

ZAMPARINI: «IN QUESTI GIORNI A PALERMO CON LA NUOVA PROPRIETÀ»


 






7 commenti

  1. Totuccione 226 giorni fa

    Che commenti de kerdat

  2. rosario 226 giorni fa

    Io aspetto di sapere chi sono, se veramente vogliono un progetto sportivo a dei progetti edili....... insomma dobbiamo ancora capire tanto poi il signor zamparini sembra rimanere come consulente quindi dai cabbasisi non ce lo siamo levato comunque aspettiamo e vediamo.

  3. Blackmamba 226 giorni fa

    Vedrete che stampa, siti web, e annessi.... quando avverrà la VERA fine dell'indagato, da servili vassalli passeranno a spietati carnefici. E' nell'indole italiana con poca spina dorsale, tacere , servire, adulare, fino a quando il Re è vivo, per poi tradirlo senza decoro invece di seguirlo nella sua IGNOMINIA. Questa pagliacciata è l'ultimo colpo di coda di un soggetto accerchiato e scoperto in tutta la sua menzogna. Il Palermo valeva 60 milioni secondo loro, oggi è venduto a 10euro e 22 milioni per alyssa.... MISTERO. Giudici, commercialisti e tecnici, indegni del loro ruolo. CORROTTI.

  4. Delio 226 giorni fa

    Ancora con sto Zamparini? Basta! Finito. E' il passato. Aggiornatevi, che state diventando patetici. Tipo il giapponese che, dopo anni, continuava la guerra da solo, quello che è passato alla storia come il più grande dei cretini.

  5. Pink 226 giorni fa

    Antiz....., da dove ti viene tutto quest'odio verso questo personaggio dal nome Zamparini. Sempre con questo din din, ma per caso l'hai già provate è sai che rumore fanno. Ormai l'epopea Zamparini è finita, fatti una ragione, ma noto che il tuo pensiero è solo verso questo personaggio. Come farai dopo, sarai il suo stolker personale. Lo vuoi proprio rovinato. Sei molto patetico è triste. Comincia a cambiare sonata, parla un po' delle partite, della squadra, se ne sei capace, se abbiamo vinto perché siamo stati bravi o perso perché più scarsi. Moderatore censuri pure questo pos

  6. AntiZampariniForEver 227 giorni fa

    Io invece penso che gli illusi siete e continuate ad esserlo voi sudditi incuranti del significato di RISPETTO di un POPOLO....voi pensate che sia GAME OVER...io dico che non sarà così! Del resto cosa dovremmo aspettarci da coloro che in vari multinick hanno difeso l'indifendibile, dichiarando perfino in questo sito che la PROCURA l'aveva col PALERMO! Mai nella storia di calcio è stato celato tutto questo mistero per una vendita è palese come sia l'ennesimo bluff di MZ, ma ormai la PROCURA gli sta di sopra e pur volendo sbolognare la patata bollente, alla fine arriverà DIN DIN DIN DIN....

  7. Froid 227 giorni fa

    Vi siete dimenticati la cosa che fa più ridere: gli orfani di Zamparini che non riescono ad accettare la realtà. Poveracci, impiegheranno anni per liberarsi della loro ossessione. Che poi, se esisto in quanto anti-zamparini ma Zamparini non c'è più, praticamente io non esisto. Continuano il loro delirio solo per illudersi di esistere.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *