LA SITUAZIONE

Calciomercato «interno»
Fase 1, chi resta e chi va via

Calciomercato «interno»: la Fase 1, chi resta e chi va via



Tra rotture interne alla società, che vivono comunque una fase di stallo nelle divergenze a distanza tra il presidente Mirri e l’ex vice Tony Di Piazza, e le polemiche in Consiglio Comunale per la concessione dello stadio Renzo Barbera, il club rosanero continua a lavorare con l’unico obiettivo di costruire una squadra competitiva per il prossimo campionato di Serie C.

 

Entra dunque nel vivo la Fase 1 del calciomercato del Palermo.
Si parte, come detto, dalle conferme: in primo luogo quei profili scelti un anno fa seguendo una strategia di lungo raggio. Insomma giocatori professionisti prestati per qualche mese alla Serie D.
Dunque Pelagotti, Crivello e Accardi, gli unici due palermitani che verranno confermati, Lancini, Martin e Martinelli, Floriano e capitan Santana. Per Ricciardo e Sforzini permanenza in dubbio.
Saranno loro la base, il telaio su cui Sagramola e Castagnini intendono assemblare la macchina rosanero.

 

C’è poi il capitolo giovani: sono tanti gli under che si sono messi in luce in stagione. Da Mattia Felici, che la società vorrebbe trattenere ma per il quale si dovrà conoscere prima il destino del Lecce, attualmente in zona retrocessione, passando per Kraja, fino ai gioiellini Peretti, Silipo e Lucca, quest’ultimo sicuro della permanenza.
Il difensore, artefice di una brillante stagione in crescendo, potrebbe non essere confermato dall’Hellas Verona e così diventare un rosanero a titolo definitivo; per Silipo e Kraja si tratta con Roma ed Atalanta: non un prolungamento del prestito, ma l’acquisto del cartellino. Sulle corsie laterali, conferma per Masimiliano Doda, non per Francesco Vaccaro. Trattative in corso anche per Langella, Fallani e Rizzo Pinna.


 

ALTRI ARTICOLI

 

CENTRO SPORTIVO: TRATTATIVA AVANZATA PER TORRETTA

 

PALERMO, CONCESSIONE STADIO. PARLA ORLANDO

 

FORZAPALERMO.IT LIVE - CON ROBERTO CHIFARI E MANUEL MANNINO

 

«CONCESSIONE DEL BARBERA AL PALERMO»: C'E' UNA PETIZIONE

 





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *