LEGA PRO

Multiproprietà e apertura stadi:
le ultime dal Consiglio di C

Multiproprietà e apertura stadi: le ultime dal Consiglio di C



Giorno di Consiglio Federale per la Serie C, che quest’oggi si è riunito per trattare a approvare diversi punti che coinvolgono diversi club.

 

Di seguito la nota della Lega Pro in merito alle novità nate dal Consiglio Federale:

Accolte le proposte di Lega Pro su diversi temi, dalle licenze nazionali alla multiproprietà

Provvedimenti governativi, fondamentali ristori per spese sanitarie e credito di imposta

Apertura degli stadi al pubblico, Ghirelli: “Chiediamo aperture parziali per le partite dei playoff”

 

Una seduta del Consiglio Federale importante quella di oggi, con risvolti significativi per i club di Serie C. Di seguito i punti emersi:

 

Licenze Nazionali: è stata accettata la proposta della Lega Pro di rinviare al prossimo 10 maggio la definizione del parametro per l’iscrizione al Campionato 2021/22. Verrà compiuta una verifica sulla situazione di ogni club affinché non venga applicato un parametro che aggravi gli effetti già disastrosi della pandemia, pur con l’obiettivo di tutelare il sistema. “I nostri club hanno rispettato i propri impegni con grandissimi sacrifici. Abbiamo regole rigorose che vogliamo rafforzare senza dimenticarci la straordinarietà della crisi che stiamo affrontando, che anche il governo ha riconosciuto con i provvedimenti assunti nel corso della pandemia” dichiara Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro.

 

Provvedimenti governativi. Le misure del governo Draghi devono venire in soccorso dei club, sicuramente per compensare gli enormi esborsi effettuati per rispettare il protocollo sanitario e per dare continuità alla misura del credito di imposta sulle sponsorizzazioni. È inoltre evidente l’esigenza di una dilazione di quanto si è accumulato in termini di contributi e di fiscalità. “Dobbiamo ricordare che abbiamo seguitato a giocare, senza incassi da botteghino da stadio e con enorme restrizione degli introiti da sponsor. Giocando, abbiamo contribuito a portare un po’ di spensieratezza agli italiani, ai tifosi, in un momento lungo e pesante di depressione causato dal coronavirus” continua Ghirelli.

 

Apertura degli stadi al pubblico. L’auspicio è che l’evoluzione epidemiologica permetta un seguito sereno al percorso di riapertura tracciato dal premier. “In punta di piedi ma in modo fermo, chiedo al presidente Draghi e al sottosegretario Vezzali di pensare ad aperture parziali per le partite dei playoff. Noi siamo stati sempre rigorosi nel mettere la salute al primo posto, oggi si può iniziare ad aprire, seguendo i protocolli, ridando speranza ai tifosi ed ai club” sostiene Ghirelli.

 

Multiproprietà. È stato stabilito un passaggio decisivo per chiarire che, da oggi in avanti, non saranno più accettate tali situazioni di conflitto. Da tempo Lega Pro aveva sollecitato la situazione, denunciando più volte la necessità di vietare e interrompere un vulnus pericolosissimo per il calcio italiano.

 

Nomine degli organi di giustizia sportiva. Il notaio Pasquale Marino, da giudice sportivo della Lega Pro, assume l’incarico di presidente della seconda sezione della Corte Sportiva. Il ruolo di giudice sportivo della Lega Pro viene ricoperto dal dottor Stefano Palazzi. “Sono felice per la meritata ‘promozione’ del notaio Marino, è un grande onore per la Lega Pro. Così come la nomina del dottor Palazzi, con la sua professionalità ed esperienza, è un segnale inequivocabile della crescente reputazione della nostra Lega” conclude Ghirelli.


NEWS DI GIORNATA

PALERMO, FOGGIA E TERAMO: TUTTE LE COMBINAZIONI PER IL 7° POSTO

 

VALENTE BRILLA, LA DIFESA NON CONVINCE. LE PAGELLE

 

CORSPORT - IL PALERMO FATICA MA VINCE. CAVESE IN D

 

GDS - PALERMO: OBIETTIVO RAGGIUNTO, MA NON BASTA

 

PALERMO - CAVESE: LE PAGELLE DEI QUOTIDIANI

 





2 commenti

  1. Cornelius 11 giorni fa

    Non mi sembra che (a oggi) siano state apportate variazioni all'art. 16 bis delle Noif ... Dunque?

  2. Cornelius 12 giorni fa

    Ma i provvedimenti del Consiglio Federale sono subito operativi o devono essere ratificati dall'Assemblea? Perché in questo secondo caso, fino a quella ratifica sarebbe possibile porre in essere multiproprietà salvaguardate dai diritti acquisiti precedentemente al provvedimento (come, in atto, per Bari, Salernitana e Mantova ..).

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *