CORRIERE DELLO SPORT

Il Palermo cerca una nuova
formula per la ripartenza

Il Palermo cerca una nuova formula per la ripartenza



IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

Il Covid19, il Nuovo Coronavirus, ha messo in ginocchio tutti.

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, oltre a rendere zona rossa tutta Italia e ad attuare restrizioni davvero severe come restare a casa ed uscire solo se strettamente necessario (motivi di salute, lavoro o per comprare beni di primissima necessità), ha sospeso tutte le manifestazioni sportive di ogni ordine e grado fino al tre aprile.

 

Alla luce di ciò, sono molte le società che, con i campionati fermi, hanno deciso di sospendere anche gli allenamenti.

Il Palermo ha continuato ad allenarsi fino alla scorsa settimana, prima di  comunicare che si sarebbero fermati per sette giorni. Ieri, però, un nuovo comunicato: niente allenamenti fino al 25 marzo. Una situazione prevedibile e necessaria per riuscire a salvaguardare la salute di atleti e non solo.


PALERMO, ECCO QUANTO PUÒ COSTARTI L'EMERGENZA


Senza allenamenti quotidiani e, soprattutto, senza partite, le probabilità che i giocatori perdano la condizione sono alte. Nonostante il divieto di uscire, mister Pergolizzi e il preparatore Marco Petrucci hanno dato indicazioni ai giocatori su cosa fare in questo periodo per non perdere del tutto la condizione.

Il Corriere dello Sport oggi in edicola sottolinea inoltre come, al rientro, sarà necessaria una nuova mini-preparazione per superare il periodo di inattività.

 

Il quotidiano, in conclusione, scrive che «è evidente che domenica 5 aprile non si potrà ricominciare a giocare neppure nel più ottimistico dei casi. Dopo il rinvio degli Europei, nel calcio italiano prevale l'idea generale di portare comunque a termine la stagione a costo di arrivare all’estate».

 

Se si dovesse continuare a giocare in estate, allora il problema sarebbe legato alla durata dei contratti che normalmente scadono ogni 30 giugno. Tale problema «dovrà essere superato da un provvedimento federale straordinario. Nel caso del Palermo e dei dilettanti, la questione è doppia: gli accordi dei rosa hanno tutti quella scadenza, sia per gli atleti in prestito che per quelli tesserati in modo definitivo ma per i quali l'eventuale rinnovo doveva prevedere un cambio di status (dato che i rosa contavano di essere promossi) e la trasformazione in contratto professionistico. Tutto è rinviato ma non si sa a quando».

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *