ASSENZE DECISIVE

Miglior difesa, ma il
trend adesso è negativo

Miglior difesa, ma il trend adesso è negativo



Un girone d’andata di primati e record quello del Palermo in questa stagione di Serie B. Oggi, però, quel rendimento sembra un lontano ricordo. Vittorie giunte con fatica in questa seconda parte di campionato e un record di difesa meno battuta che vacilla.

 

Se nella prima parte di stagione la squadra di Tedino ha subito appena 17 reti in 21 partite, in questa seconda parte è già a quota 16 e con sette gare ancora da disputare. Nonostante sia ancora la difesa meno perforata della Serie B insieme al Parma, il Palermo è giunto per la seconda volta in questa stagione a subire gol per quattro partite consecutive. Un dato significativo che mette in evidenza come il sodalizio rosanero abbia cali di concentrazione, che come nelle ultime gare portano anche alla perdita di punti preziosi. Questi cali di concentrazione hanno portato i rosa ad uno spreco di occasioni davvero significativo. Se mentre nel girone d’andata i gol subiti a partita erano comunque meno di quelli che l’attacco riusciva a realizzare, in questo girone di ritorno, con l’attacco poco incisivo e una difesa che barcolla anche a causa degli infortuni, la squadra di Tedino fatica a trovare la vittoria.

 

>>Kouame e non solo: il Cittadella ai raggi X

 

Sono già tre le gare senza vittoria per il Palermo, tre partite in cui la difesa ha subito ben cinque gol. Un dato negativo per una squadra che è riuscita a lasciare la porta inviolata in molte occasioni. Da qualche settimana a questa parte si è parlato molto della poca precisione sotto porta degli avanti rosanero ma, ad oggi, la responsabilità per i punti persi per strada va quantomeno condivisa con il reparto arretrato. Fatta eccezione per la gara contro il Parma, dove il Palermo ha segnato solo a risultato ormai compromesso, i rosa hanno sprecato il vantaggio in entrambe le gare casalinghe con Pescara e Cremonese. Quattro punti persi in due gare che potevano di fatto essere alla portata della formazione di Tedino.


>>Aleesami e Nesto verso la conferma. La Gumina, un'altra panchina


Con l’infortunio di Bellusci, il Palermo ha certamente perso un interprete di esperienza che per la maggior parte delle gare ha contribuito a far subire pochi gol. A complicare la situazione difensiva, oltre alla cessione di Cionek, elemento importantissimo e di grande esperienza, anche i continui infortuni di Rajkovic che non hanno permesso al giocatore di esprimersi al meglio. In questo finale di stagione e con una classifica così corta, una squadra del calibro del Palermo non può permettersi questi svarioni difensivi che compromettono di fatto l’obiettivo finale.

 

Tedino, oltre a dover risolvere la questione Nestorovski, che continua a non trovare la via del gol, dovrà porre l'attenzione al problema difensivo, fattore fondamentale per portare a termine il campionato evitando i playoff.






3 commenti

  1. rosario 17/04/2018

    Quando ci si trova in difficoltà si cerca sempre un colpevole! Bene anzi male il primo colpevole e quello che ancora purtroppo è il presidente perchè doveva rinforzare la squadra e dato che si definisce un intenditore di calcio, esonerare a tempo debito Tedino. Altro colpevole l'allenatore dato che dall'inizio del campionato non ha mai dimostrato di avere un gioco riuscendo ad ottenere un primato nel girone d'andata per demeriti altrui. Terzo alcuni giocatori che secondo me non sono legati alla maglia e neanche alla città in sostanza non gliene strafotte una m*****a del Palermo.

  2. noitifosidelpalermo.jimdo.com 17/04/2018

    Non c'entra niente la difesa, il problema è che la squadra non ha un gioco e si segna poco, l'empoli vince spesso 2-1, 3-1, 3-2, segnano e vincono.

  3. Paolo 17/04/2018

    Il problema è l'attacco, il Palermo segna poco e questo ci fatto ci ha negato la possibilità di vincere tante partite. Pensavano che nestorovski faceva 30 gol, e invece nisba.....

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *