Il Palermo che verrà. Arkus e i suoi obiettivi - Forza Palermo Calcio Giornale
GIORNALE DI SICILIA

Il Palermo che verrà
Arkus e i suoi obiettivi

Il Palermo che verrà. Arkus e i suoi obiettivi



 

Evitata la Serie C, la nuova proprietà rosanero è pronta a disegnare il nuovo Palermo.

 

Durante la conferenza che si è tenuta ieri, giovedì 30 maggio, allo stadio “Renzo Barbera”, i fratelli Tuttolomondo hanno parlato dei passi che Arkus effettuerà e che ha già effettuato per dare un futuro al Palermo Calcio.

 

Investimento da 30 milioni (10 dei quali già versati e 5,5 milioni da utilizzare per il pagamento dei calciatori), tagli agli ingaggi più costosi e una linea più giovane: questi gli obiettivi principali.

 

Tra gli argomenti trattati durante la conferenza, ricorda il Giornale di Sicilia oggi in edicola, anche quello sulla documentazione relativa alla onorabilità e alla solidità finanziaria già consegnata alla federazione prima della scadenza dei termini prevista per il 3 giugno.

 

La nuova società, ha detto ieri Salvatore Tuttolomondo, ha intenzione di dare incarico ad un legale per valutare la posizione rispetto al contratto per la concessione pubblicitaria sottoscritto con la Damir, la società di Dario Mirri che qualche mese fa ha acquistato i diritti pubblicitari del Palermo per 4 anni in cambio di 2,8 milioni necessari al pagamento degli stipendi e, dunque, ad evitare una penalizzazione in classifica.

La proprietà è già al lavoro per mettere a posto i conti ed allestire un team che si occuperà del debito. Un team che sarà coordinato da Salvatore Tuttolomondo anche attraverso un lungo periodo di permanenza a Palermo.
 

Per quanto riguarda la squadra, l’obiettivo è quello di ridimensionare gli ingaggi troppo alti e dare più spazio agli elementi più giovani in organico.


IMMAGINE SIAMO SU INSTAGRAM!

 

ALTRI ARTICOLI

 

🔴 FORZAPALERMO.IT LIVE - IL «GRAZIE» DEI TUTTOLOMONDO

 

DARIO MIRRI: «DISPONIBILE A RISOLVERE IL CONTRATTO DAMIR»

 

SENTENZA, PASSATO E FUTURO DEL PALERMO: RISPONDE LUCCHESI

 

"DIMISSIONI DI CLAUDIO LOTITO". LA PETIZIONE






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *