INTERVISTA

Foschi: «È importante che
i tifosi conoscano il momento»

Foschi: «È importante che i tifosi conoscano il momento»



 

Nella seconda parte dell’intervista (QUI LA PRIMA PARTE), il direttore dell’area tecnica del Palermo Rino Foschi ha così parlato della cessione di Nino La Gumina all'Empoli:

 

«È un giocatore con delle qualità importanti - ha detto Foschi ai microfoni di Tuttomercatoweb - Lo seguivo già quando era in Primavera. È cresciuto nel settore giovanile, quando ha giocato in prima squadra si è espresso e ha fatto vedere solo un anticipo di quello che sa fare».

 

FERRERO E LA GUMINA

«Lo seguiva da tanto tempo. Era uno dei candidati, ma quando lo seguiva lui, La Gumina aveva un prezzo differente. L’Empoli ha fatto tutto velocemente. Ma non ho creato aste, perché chi ha preso La Gumina ha fatto un grande colpo per il futuro. Il ragazzo ha scelto una squadra dove potrà sentirsi importante. È stata una scelta del giocatore insieme a chi lo gestisce. Una scelta ponderata, a mio avviso giusta».

 

«NON È UN ADDIO, MA UN ARRIVEDERCI». IL SALUTO DI LA GUMINA

 

CORONADO A DUBAI

«È un calciatore molto bravo. Ha dei momenti un po’ particolari, gli piacerebbe la Serie A e si sta guardando intorno. Non gli mancano le richieste in altri Paesi, come Dubai, appunto. Lasciamolo decidere con calma. La decisione dovrà prenderla lui».

 

PARAGONI

«C’erano diversi gruppi, i tempi erano ristretti e abbiamo fatto un travaso incredibile. Al primo anno arrivammo a giocarci la Serie A sino in fondo, con tanti tifosi al seguito - ha dichiarato Foschi-. Un calore incredibile. Poi riuscimmo a centrare la promozione l’anno dopo. Quest’anno sarà un po’ come la mia prima esperienza in rosanero, vogliamo fare le cose per gradi, ripartendo da una squadra che ci faccia divertire e dal calore della gente. È importante che i tifosi conoscano il momento. Loro sono più importanti dei calciatori, fanno la differenza più del calciomercato».
 

 

CESENA

«Mi dispiace. Davvero. La situazione è triste. Queste cose sono successe a tante altre società. Oggi se i conti non tornano rischi queste situazioni. Quando si accumulano tante cose fai fatica. Il Cesena soffre da lontano. Io ho fatto tutto quello che potevo fare. Sul campo ci siamo salvati, ma non me la sono sentita di andare avanti. Cesena, come Palermo, è la mia città. E quando Zamparini ha visto che ero libero - conclude Foschi - mi ha chiesto se me la sentissi di tornare. Ed eccomi qua».






7 commenti

  1. Alex drastico 123 giorni fa

    NON RIPORTERETE MAI I TIFOSI ALLO STADIO FINCHÉ NON ANDRÀ VIA QUESTO OSCENO PROPRIETARIO FRIULANO , PER ME IL PALERMO NON ESISTE PIÙ DA 3 ANNI ,ESISTE SOLO LA ZAMPARINESE UNA SQUADRETTA DI GIOCATORI DI PASSAGGIO A CUI NON INTERESSA LA MAGLIA ROSANERO MA SOLTANTO LA VETRINA ,PER ANDARE VIA AL MIGLIOR OFFERENTE PRIMA POSSIBILE ,È LO SCHIFO DELLA NON PROGRAMMAZIONE,TUTTO ORGANIZZATO DAL MERCANTE

  2. Salvatore 124 giorni fa

    Per me il Palermo non esiste più. Potete fare e dire tutto quello che volete, lo stadio non mi vede più. Aspetto che questa proprietà se ne va, meglio la terza categoria che voi, in qualunque serie. Non c'è più ne maglia ne niente altro. Vi preme che la gente ritorni allo stadio? Non dovrebbe andarci nessuno, dovete trovarvi nella desolazione e nel totale deserto. Sarebbe la migliore risposta da dare. Stadio deserto.

  3. CiuridduScaiNius24© 124 giorni fa

    Guardi che la situazione è chiara quasi a tutti da anni. Se un minimo di buon ricordo lo si aveva nei suoi confronti per gli antichi e irripetibili momenti, adesso lei è ai nostri occhi alla stessa stregua del suo datore di lavoro, che le ha affidato un compito anche questo ben chiaro a tutti, vendere e fare picciuli il più possibile e spendere il meno possibile come negli ultimi anni. Dopo le sue ultime dimissioni dovute a falsi motivi di salute la sua credibilità è inesistente così come la mia stima, gli porti un messaggio: ANDATEVENE!!!! perchè siete insopportabili.

  4. claudio montesano 124 giorni fa

    Mi pare che Foschi sia stato del tutto sincero: lecchiamoci la sarda e speriamo di restare in b. Al momento non ci sono acquirenti e questo ci tocca.........

  5. Rubini 124 giorni fa

    In questi giorni su Sky (Sport Football) vengono rievocati i momenti più belli dei mondiali 2006, la semifinale con la Germania, la finale con la Francia. Momenti anche emozionanti nel rivedere i nazionali, campioni del mondo, che allora giocavano nel Palermo (con Foschi DS): Simone Barone, Andrea Barzagli, Fabio Grosso, Cristian Zaccardo, Luca Toni. O chi poi giocherà nel Palermo (Gilardino) o ne sarà l'allenatore (Gattuso). Eppure a certi tifosi rosanero, ad unodeitremila, gli nomini Foschi e ti risponde Venezia. Memoria, dignità, PUDORE!!!

  6. Unodeitremila 124 giorni fa

    Per il Signor Rino Foschi. Egr. Direttore, dice bene. Per lei e' come quando venne a Palermo la proma volta. Solo che allora quelli da vendere (leggasi smobilitare) erano i giocatori del Venezia! Intelligenti pauca.....

  7. Tom 124 giorni fa

    Caro direttore , noi sappiamo giá il triste momento che ci tocca vivere, ma ho una domanda per lei, crede davvero che Zamparini abbia ancora dei progetti per il Palermo?? perche´dalla sua intervista fa capire cosi, ma sicuramente u bicchiere i vino era bonu. hahahha Se non arrivano nuovi proprietari siamo destinati a vivacchiare in B sperando una salvezza tranquilla. dura realtá.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *