Floriano: «Mai chiesta la testa di Boscaglia»

Floriano: «Mai chiesta la testa di Boscaglia»

Roberto Floriano, autore del gol vittoria contro la Paganese, è intervenuto in occasione della trasmissione “Siamo Aquile” in onda su TRM.

 

FLORIANO: "DOBBIAMO E POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU'"

Di seguito le sue dichiarazioni:

«Nessun allungo importante? Le difficoltà principali che abbiamo avuto è stato quello della mancanza di continuità. Contro la Juve Stabia non abbiamo fatto una brutta partita tanto da aver ricevuto i complimenti del tecnico avversario. Ci sono stati errori individuali. Non riusciamo a dare continuità di risultato. Io chiedo di crederci sempre alla svolta, ma ognuno di noi deve avere dentro di sé la volontà di non sbagliare di un centimetro. La Ternana ha fatto un campionato fuori dal normale. I problemi li hanno avuti tutti, noi dovevamo essere più bravi in certe situazioni».

CLASSIFICA

«Se siamo in questa posizione in classifica, evidentemente lo meritiamo, ma non per il potenziale. Dobbiamo accettare ciò che ci dice la classifica, ma dobbiamo avere la voglia di migliorare. Noi fino all’1 a 0 con la Juve S       tabia stavamo facendo una delle migliori prestazioni della stagione e dopo ci siamo fermati. Alcuni errori non sono problemi di individualità, ma di squadra. In certe situazioni non ti devi disunire. Al primo problema dovevamo essere, dal punto di vista del gruppo, più uniti e continuare a fare ciò che di bene stavamo facendo in quel momento».

 

MERCATO DI GENNAIO

«Non ho mai pensato di andar via. Io sono arrivato qui con un’idea precisa: portare il Palermo in Serie B. Alcune cose non sono andate come previsto, dunque dobbiamo essere bravi ad entrare bene nei play-off che sono una lotteria e dobbiamo crederci. I play-off sono un altro campionato a parte».

 

STUDI

«Io avevo mollato il diploma a 18 anni quando ero all’Inter e al Bari ho deciso di prendere un diploma nella scuola pubblica con gli operai, le mamme. Qui a Palermo ho continuato e ho preso il diploma. Ho fatto la DAD e ad una certa età ha aiutato. Andavo anche abbastanza bene. Voto del diploma? 80. Facevo il bravo a scuola (ride, ndr)».

 

VIDEO PRE-DERBY

«Ho cominciato a piangere dal primo video fino alla fine. Un’emozione incredibile. Messaggi belli che ci hanno dato una spinta in più. Poi è andata bene. Mario era la persona che più di tutti meritava il gol in quella partita».

 

PAGANI

«In occasione del gol siamo stati tutti bravi e avevamo voglia di far gol. Rete importante. Siamo rimasti in tanti dalla passata stagione, ma sono anche scelte dell’allenatore. Anche quando si gioca meno il gruppo è sempre stato unito. Gruppo composto da bravissimi ragazzi. Scelte dell’allenatore a cui magari non davamo garanzie. L’importante è che ci si alleni a 3 mila».

 

ESONERO BOSCAGLIA

«Terlizzi? Affermazioni di chi non essendo stato all’interno dello spogliatoio non conosce le dinamiche. Non abbiamo mai chiesto la testa di Boscaglia, siamo sempre stati professionisti. Magari non siamo stati eccelsi in determinate situazioni. Gruppo di ragazzi professionistici».

 

FILIPPI

«Cosa ha portato di nuovo? Lui adesso è il nostro mister e quindi come facevamo prima cerchiamo di seguire i suoi consigli. Noi siamo sempre allenati bene come i professionisti e cerchiamo di seguire al massimo Filippi. Filippi diverso a Boscaglia in idea? Filippi è sicuramente preferisce il 3-4-3 e ha delle sue vedute e Boscaglia ne ha altri. Noi cerchiamo di dare il massimo cercando di seguire le indicazioni».

 

OBIETTIVI

«Finale di stagione? Bisogna pensare partita dopo partita. Abbiamo l’obiettivo di fare più punti possibili per piazzarci in una posizione migliore. Sappiamo che in caso di play-off dobbiamo fare un campionato a parte dove dobbiamo arrivare al massimo mentalmente e fisicamente».


NEWS DI GIORNATA

 

MONOPOLI-PALERMO: RINVIATA

 

FLORIANO: "FUORI DAI RADAR DOPO FOGGIA. A QUANTO PARE NON DAVO GARANZIE"

 

LA REPUBBLICA - PALERMO: OUT DE ROSE. CENTROCAMPO A MARTIN