TRM

Protocollo, condizione e tifosi:
parla Crivello

Protocollo, condizione e tifosi: parla Crivello



Tifosi, protocollo e tanto altro. 

Non sono mancate le domande fatte durante "Siamo Aquile" a Roberto Crivello, che intervenuto in videochiamata durante la trasmissione di TRM ha toccato numerosi punti del momento del Palermo

 

"Io ero e sono sicuro di quello che faccio anche se non basta, il virus purtroppo si può prendere ovunque. La sicurezza di non prenderlo prima era più alta, poi quando aumentavano i casi dopo ogni ciclo di tamponi la preoccupazione cresce. Dopo gli ultimi tamponi tutti negativi siamo più tranquilli. Se vogliamo andare avanti con il calcio i tamponi sono fondamentali, può dare un po' fastidio ma non è stressante perché è la cosa giusta da fare. Prima li facevamo ogni quattro giorni e ora ogni due".

 

PROTOCOLLO
"Se devo essere sincero non ci ho capito niente (ride,ndr). Sicuramente per squadre danneggiate come noi o la Reggiana le partite è giusto rinviarle, se invece i casi sono pochi io sono per giocare isolando i positivi. Non si capisce chi deve decidere, se le Leghe o le Asp."

 

CONDIZIONE
"Noi avevamo bisogno di mettere minuti nelle gambe, piano piano eravamo entrati in forma. Già a Bisceglie fisicamente stavamo meglio. Volevamo giocare perché la classifica purtroppo è brutta, in momenti come questi vuoi giocare subito perché vuoi risollevarti. Il blocco è arrivato purtroppo quando stavamo meglio fisicamente, non vediamo l'ora di tornare".

 

PROSSIMA GARA
"Nel pomeriggio andiamo in campo e lavoriamo duramente, non sappiamo ancora se giocheremo a Catanzaro o direttamente con il Catania, aspettiamo direttive noi vogliamo solo ritornare in campo".

 

TIFOSI
"I tifosi mancano a noi come mancano a tutti. In un momento così delicato ci potevano dare una grossa mano, giocare contro 15 mila persone ti dà energia in più".

 

INFORTUNI
"Il rischio di farsi male c'è sempre, dovremo fare tante partite ogni tre giorni e abbiamo bisogno di tutta la rosa perché bisogna per forza di cose fare rotazione. Stiamo lavorando bene e non vediamo l'ora di ritrovare i nostri compagni per darci una mano. Bari-Catania? Ne ho vista un pezzetto, noi dobbiamo concentrarci solo su noi stessi e non guardare la classifica altrimenti è dura. Classica partita di C con tanto agonismo, il Bari è in fiducia ed è partito molto bene. Non vediamo l'ora di giocare e di fare punti per uscire da questa situazione".


NEWS DI GIORNATA

 

«CHIESTI TAMPONI RAPIDI». PARLA GHIRELLI

 

TACOPINA-CATANIA: TUTTO IN DIECI GIORNI

 

LA REPUBBLICA - PALERMO, RINVIATA LA VITERBESE. REBUS CALENDARIO

 

GAZZETTA - BOSCAGLIA SA COME SI FA. PALERMO COME L'ENTELLA

 





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *