IL CLOSING

Cessione Palermo: e ora?
Facciamo chiarezza

Cessione Palermo: e ora? Facciamo chiarezza



 

Annuntio vobis gaudium magnum: habemus Presidentem.

Maurizio Zamparini non è più il patron del Palermo.

Ma no, non è un’esercitazione, è tutto vero!

Poco più di qualche ora fa, infatti, sono apparsi - a pochi minuti di distanza - i due comunicati che hanno notificato urbi et orbi la conclusione della trattativa che ha trasferito il Palermo calcio dalla sfera giuridica di Zamparini al nuovo gruppo societario facente capo a Clive Richardson.

 

Ma facciamo un po’ di ordine.

I comunicati - a firma Clive Richardson come nuovo presidente del Palermo - ci dicono che:

1. Sport Capital Group Investments Ltd (società interamente controllata da Sport Capital Group Ltd) ha completato oggi l’acquisizione del Palermo, rispettando il termine fissato dal preliminare stipulato il 30 novembre scorso.

2. Il nuovo Consiglio di Amministrazione è composto da Clive Richardson in qualità di Presidente, Emanuele Facile nel ruolo di Amministratore Delegato e John Treacy con la mansione di Consigliere.

3. La Sport Capital Group Investments Ltd convocherà nei prossimi giorni (questo è uno dei punti fondamentali del futuro rosanero ndr) un’assemblea degli azionisti per aumentare il capitale fino a venti milioni di euro.

Inoltre, il 2 gennaio - a breve quindi - la Pelican House Mining PLC muterà la sua ragione sociale e la sua denominazione in Sport Capital Group PLC. Un passo dovuto questo, in quanto Treacy figura come uno degli investitori nella società che appunto controllerà l’acquirente del Palermo.

 

Ma non finisce qui.

I comunicati sopra citati - che hanno conferito la sacralità ufficiale alla cessione del club di viale del Fante - fanno sì che da oggi (giorno di stipula del contratto di cessione definitivo), 29 dicembre 2018, inizi a decorrere il termine di trenta giorni entro il quale bisognerà comunicare alla Figc e alla Lega di serie B tutti gli adempimenti nonché le garanzie come da protocollo.

Tra i documenti da produrre c’è anche la certificazione antimafia al fine di consentire le opportune verifiche agli organi della Lega.

 

Finisce così quella che di fatto, negli ultimi anni, era diventata un’autentica telenovela: Zamparini vende-no-forse-rimane-rivende. A margine del mese più importante della storia recente rosanero - scandito dallo scetticismo generale - la morale ci racconta l’addio.

Di fatto, Maurizio Zamparini non è più il proprietario del Palermo: a sancirlo è un contratto di cessione DEFINITIVO stipulato e annunciato dalle due parti.

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM!


 

 

ALTRI ARTICOLI

 

• UN PALERMO CINICO TORNA ALLA VITTORIA CON L'ASCOLI

 

 PALERMO SI STRINGE ALLA POPOLAZIONE CATANESE

 

• ORLANDO: «NON INCONTRO INTERLOCUTORI FANTASMA»

 

• CESSIONE PALERMO: IL FIGLIO DELL'UOMO

 

 ZAMPARINI: «IL PALERMO E' STATO VENDUTO ALLA SOCIETA' INGLESE»






1 commento

  1. Società Unica Caramelle Amenta 54 giorni fa

    Alla Compagnia del Fumiere (AZFE Ciuriddu ecc. ecc. ) prrrrrrrrrr! Accompagnate zamparini in Friuli e occupatevi di lui in un altro sito. Un sito che si chiama ForzaPalermo per voi è un lusso che non meritate. Probabilmente continuerete ad attassare per sperare di dire io l'avevo detto.....

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *