CONTI

Il CdA approva il bilancio
ma è in profondo rosso

Il CdA approva il bilancio, ma è in profondo rosso



 

Il bilancio rosanero al 30 giugno 2018 è stato approvato, lo conferma lo stesso Maurizio Zamparini al Giornale di Sicilia: «Il bilancio è stato approvato e deve solo essere sottoposto al collegio dei sindaci nei prossimi giorni». Nell'approvazione c'è la firma del presidente Daniela De Angeli, l'unica a poter mettere nero su bianco.

 

Come previsto il bilancio si è chiuso in perdita, al contrario rispetto al 2017 che si era chiuso con un utile di 4 milioni e adesso, complici i ricavi in netto ribasso per il passaggio in Serie B e la mancata promozione si ritrova in rosso di ben 10 milioni. Ancora la situazione non è risolta: come preannunciato da Zamparini, il bilancio deve passare dal parere dei tre sindaci per avere un ulteriore semaforo verde. Un passaggio obbligato che deve avvenire entro quindici giorni, ma che in società contano di fare entro quattro giorni. 


LEGGI

Cessione Palermo, spunta il nome di Bogarelli


 

Il 26 ottobre, invece, si terrà l'assemblea dei soci, nella quale verrà nominato il nuovo consiglio di amministrazione del Palermo, con Antonio Ponte unico candidato alla presidenza. Ma al momento, le possibilità che l'imprenditore italo-svizzero accetti la carica sono al ribasso e il futuro dell'organigramma societario resta un tabù, anche perché si attende che il pacchetto azionario venga ceduto a breve. Secondo il Giornale di Sicilia, l'approvazione del bilancio rappresenta un passo fondamentale per le trattative della cessione societaria. 

 

Il Palermo intanto dovrà presentare entro il 30 ottobre le carte del bilancio alla Covisoc, che concede quindici giorni di tempo per l'approvazione definitiva dei bilanci. Entro il 15 novembre, dunque, la società rosanero dovrà essere in regola con gli adempimenti richiesti per la partecipazione ai campionati professionistici. 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *