QUI PARTINICO

Violenza nel calcio. «Un nostro
calciatore aggredito»

Violenza nel calcio. «Un nostro calciatore aggredito»



"Un nostro calciatore è stato aggredito brutalmente". Sono queste le parole con cui inizia il comunicato diramato dal Casteltermini calcio in seguito a quanto accaduto nell'impianto sportivo di Partinico

Secondo quanto riferito da un testimone Basiru Jallow sarebbe stato circondato da un gruppo di quattro-cinque ragazzi e colpito. 

Soltanto l'intervento delle forze dell'ordine ha evitato che la situazione potesse degenerare ulteriormente. 

Il ragazzo è stato trasportato nell'ospedale di Partinico dove ha ricevuto le cure del caso. 

Di seguito il comunicato della società granata. 

 

Il calciatore – scrive in una nota la società– è stato aggredito brutalmente da alcuni giocatori del Partinicaudace, riscontrando traumi e contusioni in faccia. Il calciatore castelterminese è stato costretto a recarsi presso l'ospedale di Partinico dove ha potuto ricevere le dovute cure mediche. Provvidenziale è stato l'intervento delle forze dell'ordine che si sono subito occupate del caso. Sottolineiamo che oltre all'aggressione subita dal nostro giocatore, l'intera squadra granata e lo staff tecnico sono stati oggetto di intimidazioni e minacce da parte dei giocatori partinicesi. Il tutto - fanno sapere dalla società - è accaduto allo stadio San Salvatore di Partinico, nello spazio antistante lo spogliatoio ospite, nel momento esatto in cui la squadra stava entrando all'interno dell'impianto sportivo palermitano. Un fatto increscioso che va immediatamente condannato da tutto il mondo del calcio. Inoltre da segnalare che l'incontro doveva svolgersi a porte chiuse, difatti la tifoseria castelterminese non si è presentata a Partinico, invece così non è stato. Allo stadio era presente una folta rappresentanza di tifosi della squadra locale".






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *