Via da Palermo e diventano campioni... - Forza Palermo Calcio Giornale
METAMORFOSI

Via da Palermo e
diventano campioni...

Via da Palermo e diventano campioni...



Negli anni sono stati tanti i giocatori che sono passati per la società di Viale del Fante. In molti hanno lasciato segni indelebili, alcuni sono entrati nella storia, e altri ancora sono ricordati solo per qualche presenza e anche anonima con la maglia rosanero.

 

>>Tedino: «Come Posavec, anche Donnarumma ha alti e bassi»

 

L’elenco è molto lungo, ma ci soffermeremo su quei giocatori che più di tutti lontano da Palermo sono riusciti a diventare dei fenomeni.

 

Andando più indietro nel tempo, c’è da ricordare Edinson Cavani, 117 presenze e 37 gol con la maglia rosanero e apprezzato dai tifosi del Palermo solo negli ultimi tempi, che arrivato a Napoli è riuscito a battere record su record. Con i partenopei, grazie al ruolo di prima punta assegnatogli da Mazzarri, ha realizzato in tre stagioni ben 130 gol tra campionato e coppe, tra cui una decisiva che consegnò al Napoli la Coppa Italia contro la Juventus. In maglia azzurra il ‘’Matador’’ ha anche ottenuto una qualificazione diretta in Champions League. Oggi l’uruguaiano si mette in mostra ai piedi della Tour Eiffel con la maglia del Paris Saint-Germain.

 

La prima parte della conferenza stampa di Tedino

 

Un dato particolare è quello dei giocatori che dopo l’esperienza a Palermo sono approdati a Torino. Ben tre infatti sono quelli che hanno trovato fortuna sotto l’ombra della Mole.

Uno di questi è Kamil Glik.  Arrivato a Palermo dal Piast Gliwice, il difensore polacco in un anno con la maglia rosanero non ha mai esordito in campionato, ottenendo solo un paio di presenze in Europa League. Sbarcato a Torino però, tra il 2011 e 2016 ha ottenuto una promozione in Serie A, una qualificazione in Europa League (dopo la mancata concessione della licenza al Parma da parte della UEFA), il suo primo gol in Serie A e anche la fascia da capitano. In maglia granata ha collezionato ben 171 presenze e 13 gol.

 

>>Palermo, ad Avellino tornano le certezze

 

A trovare una sua dimensione nella Torino sponda granata, anche Matteo Darmian, a Palermo nella stagione 2010/2011. Un’esperienza non proprio esaltante quella rosanero, appena 16 presenze tra campionato, Coppa Italia ed Europa League. Sotto la guida di Ventura al Torino tuttavia è riuscito ad affermarsi nel panorama calcistico italiano, ottenendo anche la prima convocazione nella Nazionale maggiore e come Glik una promozione dalla Serie B alla A. Dal 2015 il terzino veste la maglia di uno dei club più importanti al mondo: il Manchester United che gli ha permesso inoltre di esordire in Champions League.

 

Il Palermo cambia in vista dell'Avellino 

 

Ma tra i giocatori più rimpianti dai tifosi del Palermo, c’è sicuramente il ‘’Gallo’’ Belotti. Dopo una stagione esaltante in cui ha ottenuto la promozione con i rosanero in Serie A nel 2013/2014, Belotti ha fatto fatica a trovare la sua dimensione nella massima serie. Nell’estate del 2015, complice anche il volere del Presidente Zamparini che riteneva Djurdjevic un giocatore migliore dell’ex Albinoleffe, quest’ultimo si è trasferito a Torino dove inizialmente non è riuscito ad incidere. Con la guida di Mihajlovic il ‘’Gallo’’ ha però avuto modo di ritagliarsi uno spazio nell’attacco granata fino ad ottenere la fascia di capitano e il terzo posto nella classifica dei capocannonieri lo scorso anno. Con la maglia del Toro ha infatti stabilito il suo record di gol in campionato (26 in 35 partite). Piccolo dettaglio, adesso il numero 9 ha una clausola da 100 milioni di euro.

 

Nonostante abbia fatto parte dei giocatori che hanno salvato il Palermo nell’ultima giornata di campionato due anni fa, Bryan Cristante ha ottenuto appena 4 presenze in maglia rosanero. Per il classe ’95 la stagione della consacrazione nel calcio italiano sembrerebbe essere quella attuale. Grazie ad un’altra conoscenza dei rosanero come Giampiero Gasperini, Cristante sta dimostrando grandi cose con la maglia dell’Atalanta. In undici presenze in campionato, il centrocampista nerazzurro ha già realizzato quattro reti, ma è riuscito a mettersi in mostra anche in Europa League. Proprio ieri infatti il numero 4 è stato autore di una doppietta in casa dell’Everton riuscendo, insieme alla squadra, ad entrare nella storia come prima squadra italiana a realizzare 5 gol in un campo inglese.

 

Palermo è una piazza difficile, alcuni giocatori riescono ad incidere perché hanno carattere, personalità ed entrano subito nel cuore dei tifosi, altri però trovano difficoltà probabilmente per le forti pressioni che una piazza grande ed esigente come questa trasmette. Andando via da qui e approdando in una piazza con meno pressioni, alcuni giocatori riescono a diventare fenomeni o semplicemente riescono a far emergere meglio le loro grandi capacità.






4 commenti

  1. Aquilotto 24/11/2017

    Cara Roberta Mannino ,ti assicuro che Palermo è la città con la tifoseria ideale per mettersi in mostra (tranne quei pochi che non capirebbero neanche chi è un giovane Messi ,cioè quelli che criticavano per esempio Cavani)infatti le pressioni di cui parli alla fine di questo articolo sono ben lontane da quelle che subiscono gli atleti che giocano nella maggior parte delle squadre Italiane Perugia insegna.Purtroppo le uniche pressioni le hanno subito i giocatori che hai citato ed altri da parte del friulano ingordo che non vedeva l'ora di venderli ,scucendogli subito il rosanero

  2. Anarchico 24/11/2017

    Pressioni a Palermo??? Credo sia la piazza più tranquilla al mondo, vai a Bergamo, Verona o Bologna e vedi cosa significano le pressioni

  3. mau49 24/11/2017

    Sulla considerazione finale non si può essere d'accordo .Cavani è andato al Napoli,piazza esigente e motivata.Solo l'insaziabile friulano a cui non si lega alcun progetto sportivo ma solo la fretta di realizzare plusvalenze ,come avviene ovunque ,e senza un briciolo d'amore per i tifosi ,e senza alcun interesse ,se non per se stesso,a raggiungere risultati prestigiosi,alla portata di una squadra ben costruita con la dovuta pazienza,ecco che sono gli altri a godersi i frutti di un buon investimento,alla faccia di chi ha perseguito altri obiettivi con i risultati disastrosi di adesso.

  4. Isatacuracaticachi 24/11/2017

    Cavani e Belotti erano già fortissimi anche a Palermo...gli altri due si, erano ridicoli! ma ce ne sarebbero anche altri... Kurtic Glick al momento non me ne vengono altri ma ci sono sicuro!!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *