Udienza terminata, parla Di Ciommo - Forza Palermo Calcio Giornale
SENSAZIONI

Udienza terminata
parla Di Ciommo

Udienza terminata, parla Di Ciommo

 

Dopo l'udienza in Corte federale d'appello, l'avvocato difensore del Palermo, Francesco Di Ciommo, ha parlato ai giornalisti presenti circa le sensazioni sulla sentenza, pur non sbilanciandosi troppo:

 

«Si sbaglia sempre quando ci si sbilancia, ma abbiamo tanti argomenti da far valere, mal che vada andremo al Collegio di Garanzia del Coni. Difenderemo il Palermo in tutte le sedi e fino all’ultimo grado di giudizio. Noi riteniamo di avere ragione. La pena meno afflittiva? È una richiesta subordinata, in via principale noi chiediamo l’annullamento della sentenza. Rigiocare i playoff sono ovviamente una diretta conseguenza. La Cassazione si contraddice? Per noi fa stato la sentenza del 17 maggio ed è difficile superarla: il credito è esistente e reale, è stato pagato in parte e l’altra parte non è ancora scaduta».

 

A differenza del legale rosanero, l'avvocato Gentile (legale della Salernitana) ha espresso una sensazione: «Difficile prevedere che tipo di sentenza sarà espressa, ma sono ottimista sulla conferma del primo grado, che il TFN ha ben profdotto».






3 commenti

  1. Yes 86 giorni fa

    Il dramma è che non è processo per reati tributari. Lo hanno trasformato in questo, ma non lo è. È solo un enorme sopruso ai danni del Palermo. Quelle sono le controinteressate. La loro partecipazione è l unica cosa corretta in questo scempio del diritto

  2. Marcelo 86 giorni fa

    Io non capisco perché sono stati ammessi i legali delle altre società. Per un processo relativo ad atti tributari o finanziari non possono essere ascoltati terze parti in causa

  3. Yes 86 giorni fa

    Decisione scritta da un mese e piu. Ne usciremo solo con il tar se non sarà troppo tardi.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *