IL COMMENTO

Lucca e l'arte di saper soffrire
il Palermo affonda la Turris

Lucca e l'arte di saper soffrire: il Palermo affonda la Turris




Vittoria della continuità doveva essere e, seppur con qualche difficoltà, vittoria è stata.
Il Palermo espugna il campo della Turris con una prova di grande carattere, dimostrando di iniziare a conoscere l’arte del saper soffrire e di aver trovato in Lorenzo Lucca il bomber di cui questa squadra aveva bisogno.

 

Mister Boscaglia decide di confermare il 4-3-3 e non mancano anche in questo caso le sorprese: linea di difesa confermata con Palazzi e Somma in mezzo, Martin ritrova la maglia da titolare insieme a Broh e Rauti preferito nuovamente a Kanoute per la fascia destra. I rosa partono subito molto aggressivi andando vicino alla rete già nei primi minuti di gara, dimostrando di voler prendere subito in mano il match. La Turris gioca con i reparti molto stretti, impedendo ai giocatori avversari di sfruttare gli spazi fra le linee lasciando però molto spazio di impostazione soprattutto a De Rose e Martin.

 

Dal piede di quest’ultimo parte il cross dalla trequarti per Lucca che insacca per il vantaggio rosanero, dimostrandosi ancora una volta letale di testa e sbloccandosi anche fuori dalle mura amiche del “Renzo Barbera” complice anche un’uscita non impeccabile del portiere Abagnale. Nel momento di controllo assoluto della gara da parte del Palermo arriva, all’improvviso, il gol della Turris allo scadere del primo tempo: tiro dalla trequarti di Romano e altro errore molto grave di Pelagotti che si fa trafiggere da un tiro potente ma centralissimo e tutto tranne che irresistibile.

 

Inizia la ripresa e i rosa scacciano subito i fantasmi di Avellino trovando immediatamente il nuovo vantaggio ancora con Lucca, in uno stato letteralmente di grazia, che ribadisce in rete il colpo di testa parato da Abagnale dopo un cross, ancora dalla trequarti, di De Rose. A partire dal sessantesimo, in seguito alle girandole di cambi da entrambi i lati, per il Palermo inizia una partita fatta di pura sofferenza. La Turris infatti, in preda alla furia agonistica di voler riprendere a tutti costi il risultato, mette in seria difficoltà i rosa che tengono botta e riescono in qualche modo a portare a casa il risultato fino alla fine del match.

 

Il Palermo ottiene la sua seconda vittoria consecutiva dopo quasi tre mesi dall’ultima volta trascinato ancora dai gol di un Lorenzo Lucca scatenato. I rosa si sono resi protagonisti di una gara di carattere, “gagliarda” dove anche nel momento di maggiore spinta dei padroni di casa sono riusciti a fare ciò che finora gli è riuscito molto raramente ovvero difendere il risultato e saper soffrire. Dopo il successo contro il Bisceglie il match di Torre del Greco dà al Palermo la consapevolezza di essere sulla buona strada sul piano dell’aspetto caratteriale e che forse per i rosa la svolta può davvero arrivare.
 





17 commenti

  1. chi non salta è zamparini 62 giorni fa

    Noto che con le vittorie gli haters diminuiscono. Tutti, tranne uno. Il TROLL MASTER evidentemente, dall'infimo della sua ironia per autoconsumo (quale altro babbeo riderebbe di simili stupidaggini?) continua a fare scempio di sé stesso. Del resto, l'indotta schiavitù dal peggior manager calcistico mai apparso in Italia non gli consente che di esprimersi solo in questo modo (odio+idiozia). E' sicuramente una condizione miserevole. Non c'è in lui percezione di questo. Il che aggrava, di molto, la situazione. #kuntakinte #mzneveragain #Q.I.0

  2. Maluchiffari 62 giorni fa

    Soliti impostori. Il vero PalermoDomina ormai scrive su Stadionews e si firma Giuseppe.

  3. Paolo 62 giorni fa

    Ho seguito il suggerimento di Palermo Domina, sono andato a guardare le foto di Rubini, e devo ammettere che sono veramente molto interessanti. Proprio come me le immaginavo.

  4. Bugia 62 giorni fa

    metavalletto doc...

  5. Sebastiano 62 giorni fa

    Ancora un v'accattistivu u parrapicca?

  6. Mauri 62 giorni fa

    Pelagotti è da cambiare assolutamente al prossimo campionato

  7. Palermoforever? 63 giorni fa

    Oltre agli errori di costruzione dell'organico (imperdonabili per gente come Sagramola e Castagnini che vivono nell'ambiente da anni e anni) è l'aspetto caratteriale che ha impedito sino ad ora al Palermo di meglio esprimersi. La vittoria di Torre del Greco (nessuna parentela con Torre del Grifo) fa sperare in un futuro di maggiore sostanza. Oddio, le scelte di Boscaglia nella ripresa non mi hanno convinto, ma i tre punti sono arrivati. Meglio così. Off topic: bene il Catania con la Ternana: per noi due pari, per loro due catastrofi. Bravo Joe! Sempre così!

  8. Aggregazione galattica lame rotanti 63 giorni fa

    Al filotto di pareggi si aggiunge adesso un metafilotto di vittorie, che ha visto i rosanero prevalere ben quattro volte contro squadre avversarie dal 13 dicembre scorso: con la Casertana, oggi molto forte, la Cavese, il Bisceglie e adesso addirittura contro la Turris! Queste vittorie compattano l'ambiente e uniscono la città in un abbraccio virtuale alla squadra! Il grido di battaglia, del Mister, tal Boscaglia, muove la classifica, di punti assai prolifica.

  9. Maria Anna 63 giorni fa

    Sempre forza Palermo, con la speranza che non ci deluderete e non ci fate rimpiangere Zamparini, anche se è anche sua la colpa di farci cadere in basso!!!

  10. Giovanni B. 63 giorni fa

    Il Tifoso Sportivo, troppo sportivo mi sembri con le tue affermazioni, quindi per te il capoluogo della più grande regione d'Italia deve languire per molti anni ancora in Serie C come il Catania? Ma che discorsi coerenti sono quelli tuoi e del signor Mirri? Non sarebbe meglio seguire le orme di paesi (si fa per dire in confronto con Palermo) come Benevento, Spezia, Udine, Crotone, Sassuolo o Chievo che stanno stabilmente in serie A senza problemi? Io di solito non contraddico mai i colleghi commentatori, ma quando ci vuole, ci vuole! Fatevene una ragione!

  11. Blackmamba 63 giorni fa

    Lucca segna viva Lucca. Per il resto per me rimane sempre un normale giocatore da lega pro anche se giovane e con margini di miglioramento. Ma uno alto due metri che non sa staccare di testa e colpisce da fermo alzandosi massimo 10cm dal terreno non sarà mai un grande bomber con centrali in B e A che il pallone manco te lo fanno vedere. Purtroppo i gol di testa di Toni e Amauri sono un ricordo impietoso di come si colpisce di testa volando in cielo.

  12. Palermo domina 63 giorni fa

    Bella e meritata vittoria, che metterà a tacere i nemici del Palermo, vedovi di Zamparini. P. S. vi invito a visitare il sito ballclose (come lo chiama Rubini), cioè 'Europarosanero', dove sono pubblicate alcune interessantissime foto di Rubini.

  13. il tifoso sportivo 63 giorni fa

    Come disse Mirri in Tv il Catania è da molti anni in serie C, cosa devono fare? Quindi se x noi ci sarà anche la stessa sorte pazienza.

  14. Serpipa 63 giorni fa

    Un Palermo gagliardo come il suo presidente.

  15. Giovanni B. 63 giorni fa

    Peccato, con altri due acquisti mirati e con l'esplosione di Lucca, altro che play-off in affanno avremmo potuto disputare (con tutto il dovuto rispetto per il Bari, l'Avellino ed altri). Ripeto, è stata una colpa grave avere buttato alle ortiche un anno.

  16. noitifosidelpalermo.jimdo 63 giorni fa

    Lucca ha preso fiducia, speriamo che continua a fare tanti gol, segna solo lui.

  17. AntiZampariniForEver 63 giorni fa

    Ora diamo continuità, dobbiamo vincere contro il Catanzaro che ci sta sopra e ai fini playoff è fondamentale! Forza Palermo!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *