CASA GRANATA

Trapani ancora nel caos: nuovo
comunicato dei giocatori

Trapani ancora nel caos: nuovo comunicato dei giocatori



Non si placano le tensioni in casa Trapani.

 

I giocatori, che intanto non hanno svolto nessuna seduta di allenamento nonostante l’imminente inizio del campionato di Serie C, hanno diramato, attraverso l’Aic, un nuovo comunicato:

 

I calciatori professionisti attualmente tesserati per il Trapani Calcio S.r.l. e l'A.I.C., in conseguenza delle costanti e ripetute violazioni datoriali – che fanno seguito a quelle segnalate nel precedente comunicato – non senza sconcerto, sono costretti a denunciare quanto segue.

Lo scorso 16 settembre 2020 la Alivision, titolare (anche attualmente) delle quote del Trapani Calcio S.r.l., nell’annunciare la cessione delle stesse ad altro imprenditore, pubblicamente comunicava che questi avrebbe garantito, già a far data dal 16/09 u.s., la ripresa degli allenamenti, ponendo a disposizione lo staff tecnico necessario alla gestione dell’attività sportiva.

Purtroppo, ciò non è avvenuto.

Tralasciando, infatti, gli ulteriori vani proclami di normalizzazione della situazione, alla data odierna, pur alla presenza in Trapani dell’asserito acquirente, la Società non è stata in grado di organizzare alcuna seduta di preparazione atletica e tecnica, a pochissimi giorni dall’inizio delle competizioni sportive.

Si tratta di uno stato dei fatti incontrovertibile rispetto al quale non si può rimanere inerti; ne va dei diritti fondamentali dei calciatori e delle loro famiglie.

La Società non è, allo stato, in grado di adottare alcuna idonea misura organizzativa, volta a garantire che la prestazione di lavoro possa essere effettuata nel rispetto delle previsioni normative e, pertanto, l'A.I.C. nel ribadire la propria solidarietà e vicinanza ai calciatori del Trapani Calcio S.r.l, oltre alle azioni già intraprese, si riserva ogni più opportuna iniziativa necessaria alla tutela dei diritti, individuali e collettivi, dei propri associati.






2 commenti

  1. Tifoso 26 giorni fa

    Domande alle quali nessuno mai vorrà rispondere. Le ho poste più volte ma chi dovrebbe e potrebbe farsene carico non prende nemmeno in considerazione tale possibilità. E attenzione son convinto che non solo Catania e Trapani hanno ricevuto trattamenti benevoli da chi invece è stato inflessibile con i nostri colori al punto da spedirci in D. Caro amico i TUTTOLOMONDO vari girano per l'Italia in cerca di spolpare ciò che resta . Accadrà la stessa cosa a Trapani. Avanti il prossimo lo spettacolo non può fermarsi.

  2. Francesco 70 27 giorni fa

    Ma perché chi dovrebbe prendere provvedimenti,fa finta di non vedere e di non capire.Il Trapani calcio,è finito nelle mani di nessuno,gente stile Tuttolomondo.Ormai è fallito.Sveglia!Vergogna!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *