RAMMARICO

Tedino: «Una squadra
forte stasera non perde»

Tedino: «Una squadra forte stasera non perde»



Contro il Foggia al "Barbera" è arrivata la seconda sconfitta consecutiva per il Palermo, il tecnico rosanero Bruno Tedino ha analizzato la partita e il momento della squadra in sala stampa:

 

Stroppa: «L'espulsione di Coronado ci ha dato una mano»

 

«Se facciamo il gol del 2-2 cambia tutto. Nella valutazione della gara ci tenevamo tantissimo a fare bene dopo Empoli, soprattutto per i tifosi presenti oggi - ha dichiarato Tedino -. Siamo doppiamente rammaricati per questo. In una partita ci sono più partite. Ad Avellino abbiamo giocato mezz’ora in dieci e abbiamo vinto 3-1, oggi in dieci per venti minuti e abbiamo perso. Questo mi fa pensare. Mi prendo le responsabilità, devo trovare le soluzioni a queste lacune. L’espulsione di Coronado è stata una sciocchezza di Igor. Lo sa per primo lui. Una sciocchezza che ha spostato degli equilibri. A parte il fatto che sia uscito lui, restare in dieci ti mette delle difficoltà sulle quali non siamo stati pronti».

 

Tedino ha spiegato il momento della squadra dopo due sconfitte consecutive: «La cosa che amo è dire la verità. Abbiamo un punto in meno rispetto all’andata. Oggi per un periodo ho visto il Palermo che piace a me, soprattutto nel primo tempo e col Foggia non era semplice. Mi fa incazzare che nei primi due minuti del secondo tempo c’è stata una chiara ammonizione di quel che può succedere in futuro: distratti e poco reattivi. Questo non va bene, se prendi gol lì poi devi analizzare il percorso della strada: perché nella ripresa pronti via c’è un calcio di punizione a venti metri dalla porta? Dobbiamo mettere a posto delle cose nella testa dei ragazzi. In questo momento dobbiamo leccarci le ferite e se avremo gli attributi si ripartirà. Io ne sono sicuro». 

 

Tedino fa anche una critica alla squadra: «Sono rammaricato per i tifosi. Lo siamo tutti. C’era la possibilità di fare set e match point contemporaneamente. Siamo in difficoltà a giustificare un risultato del genere. Ma è anche vero che se sei innamorato, accetti che si possa sbagliare. C’è da fare i conti con noi stessi. Voglio essere onesto: Posavec forse poteva fare qualcosina di più, ma credo che la squadra non sia stata squadra, perché ripeto, dopo sei secondi del secondo tempo abbiamo subito unna punizione da venti metri. Non è colpa di qualcuno in particolare. Credo che in quel momento della partita l’espulsione ha pesato. Era il momento topico del match. Ma ripeto, l’espulsione ha inciso ma non ha determinato, perché una squadra forte può prendere gol, ma stasera non perde».

 





1 commento

  1. Paolo 12 giorni fa

    Dopo 7 mesi Tedino non è riuscito a dare un gioco, secondo me non è adatto per portare il Palermo in A. Ce un certo Reja libero..

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *