LA PROMESSA

«Qui per riportare il Catania in
Serie A». Parla Tacopina

«Qui per riportare il Catania in Serie A». Parla Tacopina



Il futuro proprietario del Catania Joe Tacopina - ai microfoni di Sky nella trasmissione "Area C" - ha parlato del suo progetto in Sicilia.

 

«Vincere la Serie C il più presto possibile. Mi alzo al mattino con l’idea di vincere: realisticamente la prossima stagione e poi puntare alla promozione in Serie B e in Serie A in due stagioni. Nel progetto è coinvolto un gruppo di partner di investitori che conosco da 15-20 anni, molti sono anche miei amici e la maggior parte sono anch’essi di origini siciliana. Io sarò il leader di questo progetto e del gruppo di investimento, mi assicurerò che rispetti i nostri obblighi non solo dei confronti degli investitori ma anche della città di Catania perché arriviamo qui con una grande responsabilità. Riportare Catania ad alti livelli, ai vertici della Serie A».


 

NEWS DI GIORNATA

 

PALERMO-TERAMO, LA DESIGNAZIONE ARBITRALE

 

GHIRELLI: «PALERMO, LA C NON È FACILE. I ROSA HANNO UN PROGETTO»

 

FLOP PALERMO, BOSCAGLIA VA A RAPPORTO

 

BOSCAGLIA NON SI DISCUTE

 

VALENTE SI SALVA, MOLTO MALE CRIVELLO E LUCCA: LE PAGELLE

 

REPUBBLICA- PALERMO ALLA RICERCA DI CORRETTIVI SUL MERCATO

 





8 commenti

  1. rido 42 giorni fa

    Tale dichiarazione mi fa pensare chi sognava la serie A con Mirri.

  2. Cornelius 42 giorni fa

    La città ricostruita, dopo il terremoto del 1693, dal Vaccarini (palermitano), la Biblioteca regionale universitaria costituita in origine dalla cospicua donazione di Monsignor Ventimiglia (vescovo della città, palermitano), la Santa (Agata) che alcune fonti danno per nata a Palermo (dove, peraltro, è stata anche Santa patrona) e adesso il Tacopina (di Montelepre, a pochi km da Palermo) dalvatore del Catania '46 ... Si direbbe che alle falde dell'Etna non sappiano proprio fare a meno di noi per esistere e contare ...

  3. Turi passi 43 giorni fa

    La cosa più rilevante di questo teatro mi sembra la velocissima simbiosi di TacoPina con il DNA catanese. Parlare tanto, parlare a vanvera e coltivare l’ossessione Liotra. b*****e il PALERMO, superarlo in tutto a costo della vita. Forse la vera città di Pulcinella non è Napoli, ma Catania. Questo americano colonizzatore e affarista di Montelepre ne è l’ultimo (in ordine di tempo) esponente. Vedremo come farà a fare sparire i debiti da Catania. Mi sembra questa la priorità prima dello scudetto liotro.

  4. Cornelius 43 giorni fa

    Mi si dovrebbe spiegare perché, con debiti pari a meno di 1/3 di quelli ventati oggi dal Catania in C, al Palermo, in B, vennero comminati 25 punti di penalità (poi commutati a 15) e al Catania una beneamata m..kia. Poi uno deve credere che tutto va ben, Madama la Marchesa e che la Federazione e le Leghe abbiano avuto e abbiano comportamenti trasparenti ... Alla faccia della Legge uguale per tutti ... Giustizia cieca o solamente orba?

  5. giovanni_cascino 43 giorni fa

    A CHIIIIIIIUUUMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMUUUUUUUUUU!!!!

  6. Aristarco Battistini 43 giorni fa

    Ma è vero che tacopina oltre il catania vuole acquistare anche un sito di Palermo che parla di calcio rosanero? Dice che questo sito gli dedica un articolo un giorno si e un no...

  7. rosanero amareggiato 43 giorni fa

    @stefano....non mi pare che abbia fatto la fine di MZ e cmq investimenti di buoni giocatori nelle piazze dove è stato ne ha fatti. Ad ogni modo non credo che Mirri sia meglio. Il nostro si è presentato con un progetto....il giorno ci si accorge che abbiamo a che fare col solito venditore di fumo. Apri gli occhi oggi e guarda la nostra situazione....il nostro organico, la nostra posizione in classifica, il nostro ruolino di marcia ma soprattutto la capacità economica della nostra società. Qualcuno ha il coraggio di ammettere che Mirri è una garanzia per sopravvivere da solo in serie C? Da solo?

  8. Stefano. M 43 giorni fa

    Tacopina dovrebbe spiegare ai suoi nuovi tifosi Come togliere 62 milioni di debiti e poi spiegare come si fa ad andare via da Club dal nome prestigioso come Roma e Bologna città superiori per grandezza e storia del calcio italiano per poi finire a Venezia e per ultimo Catania che non definisco allo stesso livello di Bologna e soprattutto a Roma auguro ai cugini catanesi buon debito a tutti

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *