INTERVISTA

Stop, Coronavirus e vittoria
sul campo. Parla Ricciardo

Stop, Coronavirus e vittoria sul campo. Parla Ricciardo



 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

 

Palermo in isolamento, la squadra di Pergolizzi è rimasta in città durante questa emergenza e si sta allenando ogni giorno dato che nessuno può lasciare il capoluogo siciliano. Mentre altri giocatori a casa ritrovano la famiglia, Giovanni Ricciardo sta vivendo un ulteriore isolamento poiché i suoi cari si trovano dall'altra parte della Sicilia. 

 

Intervistato da Fabrizio Vitale per la Gazzetta dello Sport, l'attaccante del Palermo ha raccontato come trascorre le sue giornate al di là degli allenamenti: «Suono la chitarra, vedo film e serie tv e cucino per me. Non amo lavare i piatti, ma le cose semplici le so fare. È un momento difficile, anche se la mia famiglia sta a Ficarra (Messina) non la posso vedere ed giusto così perché i miei genitori hanno più di sessant’anni. Melissa, la mia ragazza, sta a Cesena,a fine marzo sarebbe dovuta venire a Palermo, ma non è possibile, si soffre ma l’importante è che i miei familiari stiano bene». 

 

CONDIZIONE

«Sto bene, a livello fisco e mentale, ho superato anche l’infortunio che mi ha tenuto fermo quasi due mesi, sto tornando al 100%. Questo stop non ci voleva, ma è per una causa di forza maggiore, quindi lo accettiamo e lo viviamo con serenità e con senso di grande responsabilità. L'emergenza? Il Governo ha preso dei provvedimenti di massima urgenza,forse fino a 10 giornifa non si percepiva la reale portata dell’emergenza. Se il tasso di mortalità non è elevatissimo, quello dei contagi è preoccupante, andava trovata una soluzione. Noi seguiamo il protocollo previsto dalla legge e dalla società, evitando il più possibile i contatti, continuiamo ad allenarci anche perché siamo sotto controllo, evitiamo di fare cose extra calcio, ognuno di noi deve evitare di fare cavolate fuori dal campo, restando a casa. Ci spogliamo in spogliatoi diversi, finché restiamo tra di noi è tutto sotto controllo. Fuori dal campo se prima si poteva andare a pranzo o a cena assieme, adesso evitiamo, a maggiore ragione ora coi locali chiusi».

 

ALLENAMENTI 

«Per quanto mi riguarda ho la possibilità di arrivare al 100% della condizione, non è la stessa cosa che prepararsi per una partita, però non possiamo abbassare la guardia perché come si può fermare tutto, si può anche riprendere tra tre settimane. Fermare il campionato? Non credo sia possibile, per quanto il momento sia particolare, ma non sarebbe bello, quando si vince bisogna farlo sul campo, non c’è paragone. A me non piacerebbe. Per noi sappiamo che ci saranno 8 finali e ne dobbiamo vincere almeno sei, non importa chi affronteremo prima». 

 

PROBLEMI CON PERGOLIZZI

«Sì tutto risolto. È normale che un attaccante dopo due mesi di lontananza dal campo voglia giocare tutta la gara, visto che si era anche messa bene per noi. Non ho avuto molte occasioni e per questo ero arrabbiato, penso però di avere giocato per la squadra. Io ho vissuto una maledizione. Tutto è iniziato dalla partita con l’Acr Messina quando mi è venuto quell’attacco influenzale. Ho saltato tre partite e lì qualcosa è cambiato, poi l’infortunio a inizio girone d’andata, proprio quando mi sentivo davvero bene, mi ha tagliato le gambe. Per fortuna nel calcio si resetta tutto. Ho voglia di fare un finale di stagione importante per riprendermi quello che è stato mio per tanto tempo. I nuovi arrivi Lucca, Silipo e Floriano? Se i due ragazzini non fanno minimo 15 anni tra B e A hanno fallito (ride). Hanno tecnica di base da giocatori di Serie A. Devono crescere, se si rendono conto del loro potenziale hanno un grande futuro davanti. Floriano fa la differenza, ha qualità di categorie superiori, dopo l’infortunio di Santana è quanto di meglio la società potesse prendere e lo sta dimostrando».


ALTRI ARTICOLI

 

SERIE D, QUANDO SI DECIDE SUI RECUPERI

 

CORONAVIRUS, COSA E' VIETATO E COSA NO

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *