FINE DI UNA STORIA

Stipendi non pagati: il Vicenza
ad un passo dal fallimento

Stipendi non pagati: il Vicenza ad un passo dal fallimento



Il Vicenza ad un passo dal fallimento. Come il Como, il Latina, il Modena, per citare i casi più recenti.

 

Un altro pezzo di storia del calcio italiano rischia così di sparire. Una storia fatta di campioni in campo ed in panchina, alcuni dei quali a Palermo ricordiamo ancora - Lamberto Zauli, Luca Toni, Francesco Guidolin, per citarne alcuni - di grandi imprese compiute (la Coppa Italia del 1997) o soltanto sfiorate (la Coppa delle Coppe dell’anno successivo); il racconto di un calcio che lentamente si defila per lasciare spazio esclusivamente al volto meno romantico di questo sport.

 

I calciatori del Vicenza scioperano: stipendi per un totale di 530 mila euro non pagati, comprensivi di ritenute e contributi del bimestre settembre-ottobre. I calciatori biancorossi avevano fissato la data limite al 10 gennaio, ma i pagamenti non sono stati effettuati e la squadra potrebbe non presentarsi a Padova per il derby di Coppa. Tramite un comunicato dell’Assocalciatori, infatti, è stato dichiarato lo stato d’agitazione dei componenti della squadra.

 

Il club veneto aveva appena cambiato proprietà: il 19 dicembre il 100% delle quote societarie è passato dalla finanziaria Vi. Fin. al nuovo patron, Fabio Sanfilippo.

«Dopo ore estenuanti di trattativa, l’accordo è stato raggiunto tant’è che alle ore 15:25 ci si è recati in banca per adempiere al pagamento stipendi. Causa di un errore sui certificati azionari che dovevano essere trasferiti pertanto annullati e riemessi nuovamente, non è stato fattibile tecnicamente il versamento pertanto rientrati dal notaio dove davanti alla troupe di VideoMedia che ci ha visti rientrare alle 15:40 abbiamo chiesto la cortesia di attendere le correzioni», si legge nella nota resa pubblica dallo stesso Sanfilippo e da Marco Franchetto, ex amministratore delegato del Vicenza.

 

Mercoledì Sanfilippo si è recato al campo d’allenamento e ha parlato con i calciatori: niente stipendi, ma un colloquio per rassicurare l’ambiente. L’ennesimo “pagherò” che i giocatori, questa volta, non hanno accettato. «I miei collaboratori finiranno l'esame dell'ultimo bilancio di esercizio e così potrò dire con certezza se ci sono o meno i margini per intervenire», ha dichiarato il nuovo proprietario. Da oggi, dunque, la messa in mora è esecutiva ed il Vicenza rischia di perdere per insolvenza circa venti calciatori.

La Procura, intanto, studia la carte prelevate in sede dalla Guardia di Finanza ed a breve deciderà se chiedere al tribunale il fallimento. Non ci sono i soldi per pagare la squadra, né per coprire i debiti con l’Agenzia delle Entrate e con il comune vicentino.

 

Dopo il fallimento del Modena, escluso dal campionato il 15 dicembre, il girone B della Serie C rischia di perdere anche il Vicenza. Resterebbero 17 squadre e non ci sarebbero retrocessioni in D.






12 commenti

  1. Ninuzzo 280 giorni fa

    Tarantino, tu sei il primo dei senza dignità.

  2. Europarosanero 280 giorni fa

    Ninuzzo, ti aspettiamo, ci farebbe veramente piacere. Facci un segnale, ti offriamo un caffè, o una birra... o altro...

  3. Anarchico 280 giorni fa

    Non capisco che Ca'..zzo significa la frase quando il Palermo era in C il Vicenza vinceva la coppa Italia... E qua.do il Palermo sfiorava la Champions ed andava sempre in UEFA il Vicenza come al solito faceva ca'.care in B

  4. Paolo 280 giorni fa

    Troppa gente senza esperienza e senza soldi vorrebbe diventare imprenditore ma poi risultano dei falliti

  5. Paolo 280 giorni fa

    @anarchico, e che vuoi dire?

  6. Anarchico 280 giorni fa

    E quando il Palermo era in serie C 2000 la Lazio vinceva lo scudetto, il Real Madrid la Champions ed il Galatasaray la coppa UEFA, m*****a che tempi

  7. Paolo 280 giorni fa

    Quando il Palermo giocava in serie C il Vicenza giocava in serie A vinceva la coppa italia e arrivo' anche in semifinale nella Coppa delle Coppe

  8. Francesco 280 giorni fa

    Questo è quello che accadrebbe al Palermo se fosse acquistato da Frank Cascio! I miei amici newyorkesi che lo conoscono bene mi dicono che non ha nemmeno gli occhi per piangere! :D :D :D

  9. Ninuzzo 280 giorni fa

    Ha ragione Marcello: Europarosanero è diventata una vera fogna, la Cloaca Massima popolata da gente senza dignità. Scusate l'O.T.

  10. Anarchico 280 giorni fa

    Tu pensa ai fallimenti, io penso che il Palermo ha vinto 5 campionati di B nella sua storia

  11. Marcello 281 giorni fa

    Ma quale buonu a canusciri. Tanto Zamparini non vende, nonostante ci sia la fila di miliardari pronti ad acquistare il Palermo. LR Vicenza, Paolo Rossi, Roberto Baggio, il romanzo di un secondo posto raccontato da Gianni Brera. Mentre c'è ancora chi, per denigrare Zamparini, s'inventa mirabilie del Palermo prima di lui. Ma non sa neanche che l'unico record degno di nota fu quello dei fallimenti.

  12. Complotto 281 giorni fa

    Meditate gente, meditate. Per tutti quelli che auspicano una nuova proprietà. Meghhiu u tintu conosciutu co buonu a canusciri. Che poi della presunta tinturia di Zamparini ci sarebbe da aprire una nella parentesi. Tutte millanterie e invidia nei suoi confronti.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *