CONFERENZA STAMPA

Stellone: «Il Pescara ha qualità
ma dobbiamo fare noi la partita»

Stellone: «Il Pescara ha qualità ma dobbiamo fare noi la partita»



Il tecnico del Palermo Roberto Stellone è intervenuto in conferenza stampa, dal "Tenente Onorato" di Boccadifalco, per parlare della sfida di domani contro il Pescara:


LEGGI:

STELLONE: «PER IL MOMENTO IL TURNOVER È SOSPESO»


 

 

FARE LA PARTITA

«Noi le partite le dobbiamo fare in ogni caso. Dobbiamo essere bravi al di là dell'avversario nelle letture delle situazioni. Ci sono momento in cui puoi aggredire e in cui ti devi schiacciare. Il Pescara è una squadra che viene per giocare, hanno la qualità per farlo. Ci saranno momenti in cui loro si chiuderanno con un 4-5-1 quando noi attaccheremo, dobbiamo essere bravi in caso di perdita del pallone a risistemarci il prima possibile. Cercheremo di attaccare senza scoprirci, comunque cercheremo i tre punti».

 

ATTEGGIAMENTO
«Non dobbiamo accontentarci della nostra situazione. Dobbiamo sempre avere la solita voglia di vincere. Affronteremo un avversario che ci precede, i tre punti potrebbero essere importanti per l'atteggiamento e anche per la classifica dato anche il risultato degli altri ad esempio il Benevento che si è fermato».

 

CONFRONTO COL PALERMO DI IACHINI
«Per dire di aver mangiato bene non mi fermo all'antipasto. Ora siamo all'antipasto e anche se abbiamo cominciato bene non vuol dire che andremo avanti così. Fin qui siamo la squadra che ha subito meno tiri in porta e che conquista il possesso sulla seconda palla, per il momento le altre statistiche non mi interessano».

 

PESCARA
«Non so che tipo di partita sarà. Certe volte si incontra una squadra che segna tanto e capita la partita in cui si tira poco in porta. Sarà una partita di cartello perché si affrontano la prima e la seconda. Dobbiamo essere bravi a vincere i duelli, chi vincerà più duelli vincerà la partita. Sono entrambe squadre che non si trovano per caso lì, hanno perso solo una partita. Domani chi ha più voglia di vincere il duello con l'avversario porterà a casa la partita».

 

FORMAZIONE
«Sto valutando se difesa a 3 o a 4. Potremmo adottare sia il 3-4-1-2, il 4-3-1-2 o il 4-4-2: ogni modulo ha pregi e difetti. Devo valutare. Loro hanno sempre una mezzala che si stacca per attaccare e il loro 4-3-3 diventa un 4-4-2, dobbiamo essere bravi a capire certe situazioni»






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *