INFORMATIVA

Spadafora: «Per la ripresa
necessaria revisione protocollo»

Spadafora: «Per la ripresa necessaria revisione del protocollo»



 

Intervenuto in Senato il Ministro dello Sport e delle Politiche giovanili Vincenzo Spadafora ha comunicato la sua informativa, molto attesa dal mondo del calcio:

 

«In questo lockdown si sono fermate tutte le competizioni sportive, io ho mantenuto i contatti con tutte le federazioni, dal Coni alle realtà dilettantistiche. Domani parteciperò ad una giunta straordinaria con il Coni. La linea di Governo è stata quella della prudenza e alla salute dei cittadini. Come sapete dal 4 maggio abbiamo ripreso tutti gli allenamenti individuali. L'attenzione in questi giorni si è spostata sul calcio. Io sono consapevole dell'importanza attorno al mondo del calcio che oggettivamente rappresenta una grande industria. Però trovo eccessivo il dibattito mediatico che si è creato attorno. Ieri sono arrivate le conclusioni del Comitato Tecnico-Scientifico sul protocollo. Ad esempio il Cts chiede se dovesse emergere un positivo tutta la squadra va in quarantena o sulla responsabilità dei medici delle squadre. Io credo che le osservazioni del cts saranno prese in considerazione dalla Federcalcio che rielaborerà il protocollo».

 

 

LEGGI ANCHE

 

PALERMO, IN SERIE C SI CAMBIA: PERGOLIZZI VERSO I SALUTI

 

 

 NO, IL PALERMO IN SERIE C NON È UFFICIALE

 

 

 ARENA: «NON SAREBBE GIUSTO PROMUOVERE IL PALERMO»

 

 

RIPRESA DEL CAMPIONATO

«Sulla ripresa del campionato dico che si riprenderà dopo che avremo preso delle decisioni che garantiranno la ripresa in sicurezza per tutti. Non prenderemo decisioni per la fretta di riprendere, tutti i paesi che hanno voluto riprendere hanno dovuto guardare la curva dei contagi. Noi abbiamo mantenuto la stessa misura di prudenza. Se il campionato riprenderà lo farà perché saranno adempiuti tutta una serie di azioni necessarie. Perché se si ammala uno tutta la squadra va in quarantena? E' evidente, negli allenamenti ci si assembra, non si può mantenere la distanza di sicurezza. Inoltre, capisco l'interesse dei diritti tv fondamentale per la gestione e la sopravvivenza del mondo del calcio e di sostegno alle squadre fortemente indebitate».


 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *