CATANIA

Sigi: «Difficile fare impresa in
Sicilia. Mirri esemplare»

Sigi: «Difficile fare impresa in Sicilia. Mirri esemplare»



Il futuro del Catania calcio resta incerto. Dopo lo stop per la cessione a Tacopina, la Sigi è alla ricerca di nuovi soggetti a cui affidare la società etnea.

 

 

Il presidente della Sigi, Giovanni Ferraù, ha parlato proprio del futuro della società etnea e anche del presidente del Palermo Dario Mirri al microfoni di Futura Production:

 

"Sigi è presente, vuole rilanciare senza ambizioni di attaccamento alla poltrona. C’è Sigi fino a qundo non ci sarà un soggetto più importante economicamente. E’ difficile fare impresa in Sicilia, il mondo del calcio è già difficile di per sè. In questo Dario Mirri è esemplare, di fatto una persona sola ha rilevato il Palermo Calcio senza i debiti del Calcio Catania ma sostenendo comunque un impegno economico importante. Non ha trovato grandi investitori locali e con quello che ha trovato, l’americano Di Piazza, non mi pare sia finita benissimo”.

 

NEWS DI GIORNATA

 

IN FIN DEI CONTI, E' GIUSTO COSI'

 

GDS - PALERMO, FUTURO DEL CLUB IN DUE SETTIMANE

 

PALERMO, DIECI ANNI FA LA FINALE. PARLANO I PROTAGONISTI

 

 

 

 

FUTURO 

"Oggi abbiamo il dovere di rimanere con i piedi per terra. Ci sono due interlocuzioni molto importanti, di cui una molto avanzata. Incontreremo anche l’investitore settimana prossima. Spero che quantomeno una delle due vada in porto, sono fiducioso. Altrimenti Sigi dovrà prendere atto e cercare soluzioni immediate e alternative. Ipotizzare una cessione totale è un pò difficile, Sigi dovrebbe rimanere ma fintanto che non ci sarà il nero su bianco non parleremo nè di date, nè di altro. Con il fardello dei debiti accumulati dobbiamo necessariamente puntare ad un soccorso importante, qualcuno che si metta al nostro fianco con investimenti rilevanti e che possa contribuire in maniera attiva al rilancio. L’obiettivo principale oggi è l’iscrizione al campionato che Sigi conta di fare anche nell’ipotesi di mancati finanziatori, ma ci auguriamo che questo non avvenga e che le interlocuzioni in essere vadano in porto. Nell’ipotesi peggiore dobbiamo necessariamente iscrivere la squadra al campionato”.





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *