PROSSIMA ORDINANZA

La Sicilia riapre: ecco l'app
per tracciare i turisti

La Sicilia riapre: ecco l'app per tracciare i turisti



Dal tre giugno saranno riaperti i confini, ma la Sicilia punta ancora alla cautela.

 

Come annunciato dallo stesso Musumeci, tutti coloro che entreranno in Sicilia dovranno comunicare i loro spostamenti. Per farlo, dovranno scaricare l’app “Sicilia Sicura” e inserire i  dati su stato di salute, spostamenti ed eventuali casi di covid in famiglia.

 

Sempre attraverso “Sicilia Sicura”, in caso di febbre bisognerà comunicare questo stato di salute e poi sarà ricontattato dai medici asp: la centrale operativa è quella del Bonino Pulejo di Messina.

 

Tutto ciò «per rendere più snello e veloce il protocollo sanitario per i turisti sul quale lavora da giorni il comitato tecnico e scientifico –scrive la Repubblica Palermo-. Di fatto la Sicilia chiederà una sorta di autocertificazione a chi arriva e una costante collaborazione del turista. Per i minorenni saranno i genitori a dover inserire i dati nella app. Già oggi Musumeci potrebbe firmare l’ordinanza che rende obbligatoria l’app prevedendo una sanzione per chi non la scaricherà. Su quest’ultimo punto , cioè l’obbligatorieta’, occorre però un confronto con l’ufficio legale che avverrà oggi».

 

L’app, tuttavia, non sarà l’unico mezzo con cui si controlleranno i turisti. Continueranno, infatti, i controlli nelle stazioni ferroviarie, aeroporti e porti dove verrà misurata la temperatura. La temperatura dovrà essere misurata giornalmente anche dagli albergatori.

 


ALTRI ARTICOLI

 

PALERMO IN ATTESA DELLA C SI LAVORA PER L'ATTACCO

 

MAZZAMAURO (SAVOIA): «MORALMENTE ABBIAMO VINTO IL CAMPIONATO»

 

«INSIEME TORNEREMO DOVE PALERMO MERITA». LA LETTERA DI PELAGOTTI

 

PALERMO: SORRENTINO RICORDA LA VITTORIA DELLA SERIE B

 

CORONAVIRUS, UN SOLO NUOVO CASO POSITIVO IN SICILIA






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *