SCENARIO

Serie A, fine campionato?
Le ipotesi

Serie A, fine campionato? Le ipotesi



IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

Nonostante il calcio italiano sia in attesa ma anche trepidazione per riprendere e concludere la stagione 2019/20, comincia a farsi sempre più concreta l’ipotesi di una conclusione anticipata dell’attività con un arrivederci al prossimo settembre in vista della stagione successiva.

 

In tal senso La Gazzetta dello Sport riporta quale potrebbe essere l’eventuale ratio che sarebbe seguita per l’assegnazione dei premi e di conseguenza per retrocessioni e promozioni.

 

LEGGI ANCHE

 

• ESCLUSIVO - PALERMO, A TUTTO SAGRAMOLA: L'INTERVISTA VIDEO

 

• ZENGA SENZA FRENI: "PASTORE SEMPRE IN CAMPO, ZAMPARINI SA"

 

• TOTTI E DEL PIERO LIVE: "A PALERMO MICCOLI E AMAURI..." VIDEO

 

Chiaramente la fotografia della classifica attuale classificherebbe per le competizioni europee le prime sei classificate con un grande punto interrogativo sulla settima, visto che il Milan precede il Verona che tuttavia conta una partita in meno.

 

Ma andiamo a vedere nello specifico le possibili ipotesi. La prima soluzione vedrebbe una Serie A con ventidue squadre: quindi azzerate le retrocessioni verso la cadetteria con promozione delle prime due classificate dalla stessa, depennando i play-off. Altra possibilità sarebbe la retrocessione in Serie B delle ultime due classificate con le stesse promozioni dalla serie cadetta. Con questo scenario la massima serie rimarrebbe invariata con venti club allo start della prossima stagione.


 

ALTRI ARTICOLI

 

NOCERINO A FORZAPALERMO.IT - VIDEO

 

«VIA DA PALERMO PER ZAMPARINI». PAROLA A NOCERINO

 

«PER DUE VOLTE VICINO AL RITORNO A PALERMO». PARLA NOCERINO

 

SPADAFORA: «FACILE DIRE CHIUDIAMO IL CAMPIONATO» VIDEO

 

CORONAVIRUS, SEI CASI A TERMINI IMERESE

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *