Schillaci: Vorrei poter dare una mano alla nuova proprietà - Forza Palermo Calcio Giornale

Schillaci: Vorrei poter dare
una mano alla nuova proprietà

Schillaci: Vorrei poter dare una mano alla nuova proprietà



Un palermitano che ha fatto la storia del calcio italiano con le maglie della Juventus e della Nazionale. Memorabili i suoi gol nel mondiale italiano del 1990.

 

Totò Schillaci torna a parlare del Palermo, che sta vivendo una svolta epocale con il passaggio di proprietà.

 

«La cessione era un passaggio dovuto secondo me, per la situazione che si è venuta a creare, non solo dal punto di vista dei risultati, ma anche per il clima di contestazione della tifoseria. Zamparini ha fatto cose incredibili - ammette Schillaci - poi nelle ultime stagioni ha tirato un po' i remi in barca. Gli ultimi due anni sono stati ricchi di delusioni, il dissenso dell'ambiente stava diventando pesante. Credo che questa cessione potrà fare bene a tutti. Gli investitori arrivano in una grande città e in una grande piazza nella quale, se il Palermo va bene, possono andare allo stadio anche in quarantamila. Anche in caso di retrocessione, se si dovesse fare una squadra per risalire, come penso avverà, genererà nuovamente una grande ondata di entusiasmo».

 

L'ex bomber della Nazionale si è proposto ufficialmente alla nuova proprietà per entrare nello staff dirigenziale: «Il mio più grande rammarico è non avere mai indossato la maglia rosanero - ha detto alla Gazzetta dello Sport - mi ero proposto di giocare a gettone a fine carriera, ma il messaggio non è stato recepito. Con Zamparini non ci sono mai stati contatti, anche se devo ammettere che mi sarebbe piaciuto lavorare con lui, ma ho sentito che non sia mai stato attratto dall'idea di avere palermitani in società. Adesso che sta per nascere la nuova proprietà vorrei poter dare una mano a 360 gradi. Sono un palermitano, ho giocato in club importanti e il mio nome è conosciuto in tutto il mondo. Vorrei rendermi utile per la mia città con un ruolo nel nuovo Palermo. Credo di essere utile per l'mmagine del club, come dirigente accompagnatore o team manager, ma potrei anche andare in giro per la società a scovare giovani talenti in Sicilia. Spero che il mio appello venga accolto dai nuovi proprietari».






7 commenti

  1. Dom 01/03/2017

    linfa nuova, societá nuova ,.,tutto nuovo!! centro sportivo da costruire, stadio nuovo..

  2. Rino 01/03/2017

    In questi giorni il cosiddetto web rosanero è oltremodo divertente. Quelli non ci credono, quelli che ringraziano (ma per cosa?), quelli che sognano i fantastiliardi di Paperone, quelli che si mettono "a disposizione"... Ma i più divertenti sono quelli che, non sapendo fare altro nella vita, continuano a insultarlo imperterriti. Passare oltre, guardare al futuro...no, vero?

  3. MarcelloLn 01/03/2017

    Quanto poi a: "se il Palermo va bene, possono andare allo stadio anche in quarantamila. Anche in caso di retrocessione, se si dovesse fare una squadra per risalire". Caro Totò, nell'ultima Serie B, nel Palermo giocavano Dybala, Vazquez, Belotti, Hernadez, Lafferty e Sorrentino e Munoz e Barreto e Di Gennaro e Maresca. Battuto ogni record, eppure lo stadio era quasi sempre vuoto.

  4. MarcelloLn 01/03/2017

    E' un po' quello che succede, in questi giorni, davanti alle agenzie di Equitalia, per la rottamazione delle cartelle. C'è la fila dalle prime ore del mattino, ancor prima , molto prima, dell'arrivo di impiegati e funzionari.

  5. quirino 01/03/2017

    Ciaca per ciaca, meglio Miccoli con la bandiera rosanero tatuata sulla pelle.

  6. Isatacuracaticachi 01/03/2017

    Mi sa di si....come tutti i Palermitani del resto...

  7. marco 01/03/2017

    a.a.a lavoro cercasi non vorrei ricordar male, ma mi sembra che lui sia tifoso di una strisciata prima che del Palermo, sbaglio?

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *