PEPPINO IMPASTATO

Scarcerazioni boss, il fratello
di Peppino: «Sono indignato»

Scarcerazioni boss, il fratello di Peppino: «Sono indignato»



 

«Io sono indignato, ma davvero molto indignato. Sono sempre stato un garantista ma queste scarcerazioni sono aberranti. Oggi mio fratello Peppino sarebbe estremamente deluso da questo Stato».

 

Non usa mezzi termini Giovanni Impastato, fratello di Peppino, ad Adkronos. Nel giorno dell'anniversario della morte del fratello, Giovanni parla della scarcerazioni di alcuni boss mafiosi per il rischio di contagio da Coronavirus. «In questa lista ci sono solo mafiosi e questa cosa mi insospettisce un po' - prosegue Impastato -. Questo mi dà fastidio. Sono indignato perché ci sono molti mafiosi. C'è poca speranza che si possano redimere. Trattativa Stato-mafia dietro? Non lo escludo, può anche darsi ma non lo possiamo dimostrare. In base a quello visto in Italia tutto è possibile. Infatti secondo me il decreto per riportarli in carcere è ridicolo e anche anticostituzionale. La frittata ormai è fatta. Oggi Peppino sarebbe deluso da tutto questo».

 

Anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha voluto ricordare la figura di Peppino definendo la sua morte come: «uno dei punti più tragici e perversi della permeabilità sino alla identificazione fra istituzioni pubbliche e private e mafia che assumeva a volte anche il volto dello Stato».


ALTRI ARTICOLI

 

«CI SARA' UNA SELEZIONE NATURALE DI SQUADRE IN ITALIA»

 

SIBILIA: «NESSUNO DANNEGGI LA SERIE D» (AUDIO)

 

BINDA A FP.IT: «UNICA SOLUZIONE E' RIPRENDERE I CAMPIONATI»

 

FASE 2, LA PREOCCUPAZIONE DI ORLANDO (VIDEO)

 

U' PICCIRIDDU TORNA (QUASI) ALLA NORMALITA'

 

GHIRELLI: «RICORSI? CI DAREBBERO UN CALCIO NEL SEDERE»

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *