DOPPIO EX

Rossi: «Zamparini ha i suoi
pallini. Potrà passare la mano»

Rossi: «Zamparini ha i suoi pallini. Potrà passare la mano»



 

Delio Rossi ha vissuto momenti indimenticabili sia a Lecce che a Palermo, per questo la sfida di questa sera al “Via del Mare” scatenerà in lui parecchie emozioni.


LEGGI:

STELLONE CONTRO IL LECCE SI AFFIDA A MOREO E NESTOROVSKI


Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Delio Rossi ha parlato della promozione ottenuta quando allenava il Lecce nel 2003:

 

«A Lecce realizzammo un capolavoro – racconta Rossi –. Dopo la retrocessione in B, la famiglia Semeraro, alla quale sono rimasto legato, puntò sulla valorizzazione dei talenti sbocciati dal vivaio. Mi gustai la “meglio gioventù”, con i vari Vucinic, Ledesma, Bojinov e Konan. Che spettacolo il Via del Mare, nella gara dell’ultima giornata con il Palermo: terzi in classifica, con due punti di vantaggio sui rosanero, ci sarebbe bastato il pareggio. Vincemmo 3-0, fu Serie A e festa grande, con almeno 35.000 spettatori allo stadio».

 

ARRIVO A PALERMO

«Il presidente mi ricordò il match vinto dal mio Lecce, con supremazia netta. Per un anno e mezzo, ho proposto il mio calcio con i rosanero, arrivando in Europa League e alla finale di Coppa Italia, persa contro l’Inter. A Palermo ho potuto contare anche sull’apporto di Liverani, che ritrovai dopo la comune esperienza nella Lazio».

 

ZAMPARINI

«Per me, è giusto che un presidente abbia sempre l’ultima parola ma bisogna avere rispetto dei ruoli. Zamparini ha i suoi pallini: ai miei tempi, il suo pupillo era Pastore e a volte si arrivava allo scontro di idee. Per lui quello che oggi è bianco, il giorno dopo diventa nero. Liverani avrebbe meritato trattamento migliore a Palermo: quando un presidente fa una scelta, al giocatore deve dire la verità».

 

USCITA DI SCENA DI ZAMPARINI

«Potrà passare la mano. Ma il patron non resterà senza calcio, che è una bella malattia e spesso diventa un compagno di vita: è successo a Berlusconi».


LEGGI:

AUMENTA IL RITMO: PRIMO «STRESS TEST» PER STELLONE


SCONTRO LIVERANI-STELLONE

«Nel calcio che punta, anche per questioni economiche, sui giovani, entrambi hanno avuto chance importanti. Il Palermo ha una rosa di qualità, i giallorossi individualità di spicco e qualche “fedelissimo” del tecnico. I duelli a centrocampo saranno decisivi. Entrambe possono puntare alla A».

 

LIVERANI

«Alla Lazio e al Palermo, Fabio è stato il mio allenatore in campo. Era dotato di straordinaria sensibilità e intelligenza calcistica, grazie alle quali ha avuto una bellissima carriera, nonostante non avesse un fisico da grande atleta. Avrà tratto benefici dall’esperienza di giocatore, ci ha messo del suo e ora si diverte alla guida di un Lecce capace di sfidare sul piano del gioco anche le big della B».

 

FUTURO

«Aspetto una proposta che mi intrighi. Altrimenti, attenderò l’opportunità giusta. Io so fare solo l’allenatore; rispetto ad altri miei colleghi, non riesco a riciclarmi nei ruoli di direttore sportivo oppure opinionista».






1 commento

  1. Mau49 54 giorni fa

    Ben detto, Grande Delio.Grande Serietà e Professionalità.Sei e Sarai sempre nei nostri cuori di tifosi.Palermo ha capito il tuo sincero legame con la città e la squadra.Grazie

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *