LA PROPOSTA

C'è chi vuole due Serie C:
la proposta

C'è chi vuole due Serie C: la proposta



Il mondo del calcio continua nella sua incertezza. C’è chi come il presidente dell’Olbia Alessandro Marino dimostra di avere le idee chiare.

 

“Non sarei affatto contrario al progetto di dividere la terza serie in ‘C Élite’ e Serie C. La prima con un solo girone nazionale, sulla falsa riga della Serie B, e la seconda con due gironi da 20 squadre semiprofessionistiche”, riporta il portale GianlucadiMarzio.com.

 

Continua

“Il presidente Gravina stava già lavorando in questo senso. Inoltre, una nuova categoria semiprofessionistica offrirebbe maggiori possibilità per i giovani calciatori”. Resterebbe da capire come effettuare la suddivisione delle squadre: “Semplice, in base alle classifiche della prossima stagione. In questo modo ci sarebbe un principio meritocratico e il Governo avrebbe un anno di tempo per definire gli status professionistici e semiprofessionistici. Ma sarebbe importante stabilire da subito le regole di promozioni e retrocessioni”.

 

E ancora

“Bisogna fare in fretta. È inaudito che oggi un club di C venga equiparato ad uno di Serie A. Prendiamo come esempio l’emergenza Covid-19. Vorrebbero farci tornare in campo ma il protocollo sanitario è inattuabile in C, sia sul piano finanziario che sanitario. Non è colpa nostra se siamo professionisti con meno entrate e risorse rispetto a Serie A e B. I calciatori devono essere protetti in tutte le categorie”.


 

ALTRI ARTICOLI

 

• RIVOLUZIONE: SERIE B A 234,5 SQUADRE, PALERMO RETROCESSO

 

 • «CI SARA' UNA SELEZIONE NATURALE DI SQUADRE IN ITALIA»

 

• SIBILIA: «NESSUNO DANNEGGI LA SERIE D» (AUDIO)

 

• GHIRELLI: «RICORSI? CI DAREBBERO UN CALCIO NEL SEDERE»

 

• DA BERGAMO: "PRIMA DENIGRAVO PALERMO, VI CHIEDO SCUSA"

 

• ESCLUSIVO - PALERMO, A TUTTO SAGRAMOLA: L'INTERVISTA VIDEO

 

• GUIDOLIN A FP.IT: «PALERMO CHE NOSTALGIA, MI MANCA MONDELLO»

 

• ZENGA SENZA FRENI: "PASTORE SEMPRE IN CAMPO, ZAMPARINI SA"

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *