RETTIFICA in merito alla
trattativa-bluff per il Catania

RETTIFICA in merito alla «trattativa-bluff» per il Catania



 

Riceviamo e pubblichiamo, al fine di poter dare ampia e corretta informazione in merito alla spinosa questione relativa alla trattativa tra una presunta cordata americana e il Calcio Catania per l'acquisizione del club rossoazzurro:

 

Con riferimento all’articolo pubblicato dalla Vostra testata in data 15
maggio 2020 ed intitolato «Cessione Catania, i petrolieri americani
erano un bluff»
, nell’interesse del mio Assistito, Avv. Dott. Walter
Zandrini
, avvocato e notaio in Lugano, Vi invito a rettificare quanto
erroneamente divulgato.


In particolare, diversamente da quanto riportato, il notaio Walter
Zandrini non ha rogato nessuna procura speciale rilasciata da una
società americana nei confronti di alcun professionista incaricato di
trattare la compravendita della società Calcio Catania S.p.A.

 

Il notaio Zandrini, infatti, non ha contatti né con la società Apache Corporation
di Houston né con l’Avv. Alessandro Lombardo, né con la società Calcio
Catania S.p.A.
A quanto appreso, ignoti hanno utilizzato il suo nome spendendo una
procura speciale evidentemente falsificata e difforme dagli atti
conservati nello Studio del Notaio
. Per questi fatti è stata già
depositata denuncia – querela a piena tutela del mio Assistito.

 


Con riferimento all’insinuazione contenuta nel testo pubblicato circa un
coivolgimento in passato del notaio Zandrini in truffe internazionali a
danno di istituti bancari, Vi esorto ad informare correttamente i Vostri
Lettori atteso che il notaio Zandrini è stato mandato assolto dal
Tribunale di Milano con la più ampia formula liberatoria e con sentenza
passata in giudicato, siccome riconosciuto estraneo ai fatti
.


Vi diffido, quindi, ad emendare immediatamente quanto pubblicato.

 


Avv. Paolo M. Cassamagnaghi





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *